martedì 4 ottobre 2011

Amanda e Raffaele: colpevoli o innocenti?

Perugia

Oggi non posso non parlare del fatto del giorno e cioè l’assoluzione di Amanda Knox e Raffaele Sollecito. Questo processo lascia molti dubbi, tralasciando la presunzione d’innocenza; si è passati dalla condanna di primo grado di ventisei anni per la Knox e venticinque per Sollecito, alla completa assoluzione per non aver commesso il fatto.  Tutto questo provoca perplessità anche perché nel primo processo c’erano molte prove contro e invece dopo sono rimaste soltanto due. In questo brutto fatto di cronaca, una piccola colpa deve essere imputata anche ai media che hanno enfatizzato troppo i due indagati piuttosto che la vittima Meredith Kercher. Ricordiamo che questa ragazza è stata brutalmente assassinata a soltanto ventuno anni nel fiore della gioventù e un pensiero va alla sua famiglia e soprattutto a una madre che ha perso una figlia che nessuno potrà più restituirle. Adesso si aprono nuove piste e l’interrogativo rimane, allora chi ha ucciso Meredith?

Photo credit albar caricata su Flickr  Licenza foto: Creative Commons

14 commenti:

  1. Una domanda senza risposta!
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Credo che non tocchi a noi giudicare...spero solo che sia stata fatta davvero giustizia!

    RispondiElimina
  3. Per non aver commesso il fatto e non per insufficienza di prove...questa sentenza dice tutto, secondo me, ossia che i ragazzi sono innocenti.

    RispondiElimina
  4. Come ho già scritto da altre parti, sarò anche un po' malpensante, ma ammetto che mi fa specie che sia stato condannato un povero negro, e che una bella biondina americana che ha potuto permettersi Giulia Bongiorno come avvocato sia stata giudicata non colpevole...

    RispondiElimina
  5. rimane certamente qualche perplessità,ma preferisco pensare che meglio lasciare libero un assassino piuttosto che in prigione un innocente,mentre il pensiero va soprattutto alla vittima e alla sua famiglia,ciao Cavaliere,a presto

    RispondiElimina
  6. La perplessità a me rimane sopratutto per come sono stati condotti i vari momenti di indagine e giudizi, dolore per la famiglia della ragazza assassinata in maniera brutale e tanta vicinanza per la povera madre.
    Spero che la giustizia imbocchi la strada della verità..e mentre sono in attesa, mi sento di ricordare un vecchio adagio, senza alcun giudizio Meglio un colpevole fuori che un innocente all'ergastolo.

    RispondiElimina
  7. ..sono rimasta senza parole, ma redo sia in gioco l'america col suo potere, oltre a quello mediatico..per me erano colpevoli...troppe prove, poi annullate..non saprei, lo trovo assurdo, ma siamo in italia no?Un caro saluto

    RispondiElimina
  8. Sono perplessa, solo loro sanno se effettivamente sono innocenti o meno!
    Un pensiero certo va alla giovane che a soli 21 anni ha perso la vita!

    RispondiElimina
  9. sinceramente,anch'io sono rimasta un po sconcertata.
    La giustizia italiana con tutte le sue leggi,le idagini,le perizie...in questi 4 anni a cosa è arrivata?
    Non è giusto condannare 2 innocenti ,ma neanche metterli in libertà se fossero colpevoli.
    mi chiedo cosa sia cambiato in questi 4 anni....

    buona serata

    RispondiElimina
  10. Dice bene la legge americana
    La sentenza 'oltre ragionevole dubbio".
    Cristiana

    RispondiElimina
  11. Condivido appieno la frase che ho trovato sul profilo facebook dei 99 posse:

    "Rudy Guede è un cattivo guaglione, nero e povero, e sconta 16 anni di carcere per concorso in omicidio. Meredith Kercher è una ragazza di Croydon, la Londra proletaria a sud del Tamigi. Raffaele Sollecito e Amanda Knox appartengono a famiglie ricche e potenti. Guede è complice di un assassinio che non si sa chi ha commesso, Meredith è morta e Sollecito e la Knox vengono assolti. La galera non la auguriamo a nessuno, ma ci finiscono sempre e solo i "Cattivi guagliuni"
    Prima di salutare, voglio ricordare le parole di oggi della famiglia di Meredith che ha detto di avere rispetto per la giustizia italiana.
    Parole bellissime che rappresentano al meglio una cultura diversa dalla nostra (quella anglosassone) e a cui dobbiamo mirare per crescere.
    Grazie, un saluto

    RispondiElimina
  12. penso sempre a Amanda e ai suoi genitori:a distanza di 4 anni ancora nessun colpevole.Ma dico una sola cosa:la verità esce sempre a galla;(

    RispondiElimina
  13. A dire il vero sono molto dubbiosa della loro innocenza.. non so cosa pensare..
    A presto..Sibilla

    RispondiElimina
  14. Un processo fatto con i piedi con Rudy Guede capro espiatorio.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.