giovedì 19 settembre 2019

Siamo nel bel mezzo di una crisi sistemica


Articolo da Italia che Cambia

La notizia che Donald Trump ha deciso di non concedere ai cittadini delle Bahamas sfollati dall'uragano Dorian lo status temporaneo di soggiorno apre a riflessioni e interrogativi più ampi. Le migrazioni di masse saranno infatti sempre più frequenti con l'aggravarsi di una crisi climatica che, come ormai evidente a molti, non può essere slegata dalla profonda crisi sociale in atto. Siamo nel bel mezzo di una crisi sistemica, una “tempesta perfetta”. Come uscirne?

Qualche giorno fa Donald Trump, intervistato da un reporter di fronte alla Casa Bianca, ha indirizzato la sua quotidiana dose di odio contro gli sfollati che fuggivano alla furia devastatrice dell’uragano Dorian per trovare riparo negli Stati Uniti: “Non voglio permettere a persone che non dovrebbero nemmeno trovarsi nelle Bahamas – ha affermato – di venire negli Stati Uniti, comprese alcune persone molto cattive pericolosi membri di gang e spacciatori”.

Il giorno precedente era scoppiata la polemica quando 119 sfollati non erano potuti partire con un traghetto che da Freeport li avrebbe portati a Fort Lauderdale, in Florida, perché privi di visto per gli Stati Uniti. Il giorno successivo invece, alle dichiarazioni del Presidente sono seguiti i fatti: gli Stati Uniti – ha riferito a NBC News un funzionario dell’amministrazione – hanno deciso di non concedere ai cittadini delle Bahamas sfollati dall’uragano Dorian lo status temporaneo di soggiorno, che consentirebbe loro di lavorare e vivere negli Stati Uniti fino a quando non sarà ritenuto sicuro tornare a casa. Poco importa se Grand Bahama, l’isola principale dell’arcipelago, è completamente rasa al suolo e centinaia di persone non sanno dove dormire.

Al di là dello sdegno che può generare l’atteggiamento incurante e un tantino spaccone del presidente Usa di fronte a catastrofi di questa portata, la notizia apre a riflessioni e domande ben più ampie. I cambiamenti climatici e più in generale la crisi ecologica in corso causeranno eventi catastrofici sempre più frequenti e renderanno intere aree del pianeta non più abitabili: di conseguenza le migrazioni di massa saranno sempre più numerose e frequenti.

Secondo l’IPCC, il panel internazionale che studia i cambiamenti climatici, ciò che ci aspetta da qui al 2050 sarà la migrazione di almeno 200 milioni di persone a causa del surriscaldamento globale. Come pensano i paesi più ricchi di fronteggiare questa crisi? Quali politiche si stanno attuando a livello mondiale per limitarne gli effetti? Come si può immaginare le risposte a queste domande sono piuttosto desolanti.

E l’uragano Dorian non è certo il primo caso in cui un evento naturale mette allo scoperto la ferita purulenta dell’apartheid climatico. In un rapporto uscito nel giugno scorso,  Philip Alston, relatore speciale delle Nazioni Unite sull’estrema povertà e diritti umani, cita un altro caso indicativo: “Quando l’uragano Sandy ha causato il caos a New York nel 2012, lasciando i newyorkesi a basso reddito e più vulnerabili senza accesso alla corrente elettrica e all’assistenza sanitaria, il quartier generale di Goldman Sachs è stato protetto da decine di migliaia di sacchi di sabbia e alimentato dall’energia dal suo generatore”.

Secondo Alston l’apartheid climatico è uno scenario “in cui i ricchi pagano per sfuggire al surriscaldamento, alla fame e ai conflitti mentre il resto del mondo è lasciato a soffrire”. Ed è quello che sta succedendo. I paesi più poveri sopporteranno circa il 75% dei costi della crisi climatica nonostante la metà più povera della popolazione mondiale sia responsabile solamente del 10% delle emissioni di anidride carbonica.

In questo scenario, sempre secondo Alston, “la democrazia e lo stato di diritto, nonché una vasta gamma di diritti civili e politici sono tutti a rischio. Il rischio di malcontento della comunità, di crescente disuguaglianza e di livelli ancora più elevati di privazione tra alcuni gruppi, probabilmente stimolerà le risposte nazionaliste, xenofobe, razziste e altre. Mantenere un approccio equilibrato ai diritti civili e politici sarà estremamente complesso”.

Che la crisi ambientale non possa essere slegata dalla crisi sociale, e che dunque, come ci ricorda Guido Viale su Comune-Info,  “la salvaguardia e il rispetto della Terra, non può essere disgiunta dalla giustizia sociale, cioè dal riscatto degli oppressi, degli sfruttati e degli esclusi” è ormai evidente a molti, dai movimenti come Fridays for Future e Extinction rebellion, ad alcuni esponenti politici di spicco come Alexandria Ocasio-Cortez e Bernie Sanders, a Papa Francesco che aveva posto questo nesso al centro della sua enciclica Laudato si’. Non ha più senso parlare di diritti sociali e umani senza inserirli nel contesto di crisi climatica in atto. E a ben vedere non lo ha mai avuto, visto che in quel sistema estremamente complesso chiamato mondo che si trova attorno a noi, tutto è collegato con tutto e ha effetti su tutto.

Continua la lettura su Italia che Cambia

Fonte: Italia che Cambia


Autore: 


Licenza: Copyleft 



Articolo tratto interamente da Italia che Cambia



mercoledì 18 settembre 2019

Proverbio del giorno


Se si sogna da soli, è solo un sogno. Se si sogna insieme, è la realtà che comincia.

Proverbio africano

Comunicazione di servizio: ripartono le interviste





Voglio informare gli amici e lettori di questo blog, che presto tornerò a pubblicare interviste su diversi temi.

Se vuoi essere intervistato, basta contattarmi via mail, cliccando sul banner "Contatti".

martedì 17 settembre 2019

Il momento...


"Il momento in cui si sveglia al mattino è il più bello delle ventiquattro ore. Non importa quanto stanco o triste ci si possa sentire, si possiede la certezza che, durante il giorno che si trova davanti a voi, qualsiasi cosa può accadere. E il fatto che non sia sempre così, non importa un bel niente. La possibilità è sempre lì."

Monica Baldwin


lunedì 16 settembre 2019

“Emozionati e vivi” di Giusy Schiavello, disponibile in versione completa





Ricevo e pubblico:

Titolo: EMOZIONATI E VIVI
Autore: Giusy Schiavello
Genere: Poesia
Prezzo ebook: 3,61 EURO , disponibile in esclusiva su Amazon.
Prezzo cartaceo: Non disponibile in formato cartaceo
Data pubblicazione: 14 Settembre   2019
Pagine: 25
Serie: autoconclusivo


Trama:

Uno sguardo attento sulla realtà sa andare oltre le apparenze, guardare  al di là di quelle maschere che spesso la società ci costringe a portare.
" Emozionati e vivi " è un piccolo viaggio in versi, nel corso del quale avrete la possibilità di  rivedere voi stessi, rivivendo  gioie,  passioni e paure  ,che hanno caratterizzato momenti della vostra vita.  Buon viaggio a tutti quei coraggiosi esploratori di nuovi mondi, che avranno il coraggio di intraprendere quest'avventura.


Biografia autrice:


Giusy Schiavello è una giovane ragazza calabrese, nata in provincia di Reggio Calabria. Diplomatasi presso il Liceo Scientifico, decide di proseguire i suoi studi presso  la facoltà di giurisprudenza dell’Università di Messina.
Appassionata di materie umanistiche e grande osservatrice della realtà, dedica parte del proprio tempo libero alla stesura di poesie, nelle quali esprime in versi osservazioni e stati d’animo.


Fonte: inviato via mail dall'autore e pubblicato su diversi blog/siti
 

Autore: Giusy Schiavello

Licenza: pubblicato e concesso su richiesta dell'autore

Photo credit Giusy Schiavello

Quest’articolo è stato condiviso e segnalato dal suo autore. Se vuoi pubblicare i tuoi post in questo blog, clicca qui. 


Emozioni veneziane

Venetian emotions from Andrea Patruno on Vimeo.

Photo e video credit Andrea Patruno caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons


Notti ancestrali

SKYGLOWPROJECT.COM: ANCESTRAL NIGHTS from Harun Mehmedinovic on Vimeo.

Photo e video credit Harun Mehmedinovic caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons