domenica 16 febbraio 2020

So che la notte...


"So che la notte non è come il giorno: che tutte le cose sono diverse, che le cose della notte non si possono spiegare nel giorno perché allora non esistono, e la notte può essere un momento terribile per la gente sola quando la loro solitudine è incominciata."

Ernest Hemingway


Voglio ricordare i profili sociali di questo blog

Queste sono le pagine sociali del blog in diversi servizi web. Trovate Web sul blog ai seguenti link (cliccate su per accedere):











Se vi piace questo blog aiutatelo a crescere, diffondete anche ai vostri amici i miei link. Grazie a tutti per la vostra fiducia.

Virgilio di Giosuè Carducci


Virgilio

Come, quando su' campi arsi la pia
Luna imminente il gelo estivo infonde,
Mormora al bianco lume il rio tra via
Riscintillando tra le brevi sponde;

E il secreto usignuolo entro le fronde
Empie il vasto seren di melodia,
Ascolta il viatore ed a le bionde
Chiome che amò ripensa, e il tempo oblia;

Ed orba madre, che doleasi in vano,
Da un avel gli occhi al ciel lucente gira
E in quel diffuso albor l'animo queta;

Ridono in tanto i monti e il mar lontano,
Tra i grandi arbor la fresca aura sospira:
Tale il tuo verso a me, divin poeta.


Giosuè Carducci


sabato 15 febbraio 2020

Caldo record in Antartide



Articolo da Wired

Per la prima volta in Antartide la temperatura ha superato i 20 gradi. Lo ha annunciato il ricercatore brasiliano Carlos Schaefer, che ha rilevato il dato di 20,75 °C nella stazione di monitoraggio su Seymour Island. Quello che consideriamo nel nostro immaginario il continente del ghiaccio sembra dunque destinato a cambiare faccia. Solo pochi giorni fa infatti, era già circolata la notizia di un altro record: nella stazione argentina di ricerca di Esperanza il termometro aveva segnato 18.3 gradi centigradi: si trattava già allora di un primato assoluto di caldo nella penisola continentale antartica, normalmente più fredda delle isole.

Tuttavia, Schaefer ha sottolineato che questo dato “non fa tendenza dal punto di vista del cambiamento climatico, perché si tratta di un caso isolato”. Ad ogni modo, il fatto che sul continente dei ghiacci sia stata registrata una temperatura così mite non può che far riflettere sulle conseguenze climatiche. E, anche se il dato dovrà ora essere confermato dall’Organizzazione meteorologica internazionale (Wmo), la tendenza è piuttosto chiara: qualcosa sta cambiando in maniera radicale.


Come riporta il Guardian, i 20.75 gradi registrati a febbraio 2020 superano di quasi un grado il precedente primato di caldo dell’estate antartica, registrato nel 1982 sull’isola di Signy (all’epoca la temperatura raggiunse 19,8 gradi centigradi). Un evento eccezionale, quindi, anche per gli esperti che l’hanno documentato hanno definito la temperatura “incredibile e anormale” per il continente. “Stiamo assistendo alla tendenza al riscaldamento in molti dei siti che stiamo monitorando, ma non abbiamo mai visto nulla di simile”, ha affermato Schaefer, che sta lavorando su Terrantar, un progetto del governo brasiliano che monitora l’impatto dei cambiamenti climatici sul permafrost e sulla biologia in 23 siti nell’Antartico.

Continua la lettura su Wired

Fonte: Wired

Autore: 
Alessio Foderi

Licenza:Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported

Articolo tratto interamente da Wired




Un mondo di precari



Articolo da Momi-z

La cinica casta di banchieri globalizzatori e cosmopoliti, agendo nel sistema dei bisogni de-eticizzato in fase di assolutizzazione, non può accettare la dimensione proletaria del lavoro garantito, della coscienza conflittuale e dell’organizzazione sociale.

In questo la “global class” neo-feudale si compatta per risaldare il proprio dominio e spezzare le capacità dei cittadini di opporsi, che ridotti alla passività subiscono in silenzio la flessibilizzazione del lavoro e della precarizzazione della vita.

In tal senso si diventa uomini e donne vacui, senza comunità, senza coscienza storica, senza identità storica e senza memoria.

I vincitori (per ora) liberisti della finanza, nel quadro dell’accumulazione flessibile, hanno prodotto l’abbandono delle risposte ai bisogni primari da parte della politica, e con essa l’abbandono delle stesse libertà politiche, della cittadinanza di uomini e donne liberi, fondamentale per il diritto ad avere diritti.

In questo quadro i cittadini sono condannati al nomadismo e alla flessibilizzazione destabilizzante per l’intero arco della vita.

Dissolti come classe, i lavoratori e le lavoratrici tendono oggi a essere una nuova classe in sè e non per sè, la classe del precariato. Così l’umanità pensante è riassorbita nell’umanità sofferente (migranti), secondo la profezia marxiana riguardante la proletarizzazione della società.
Le parole dette da Marcuse in tempi lontani “la storia è sempre la storia del dominio, e la logica del pensiero rimane la logica del dominio” è oggi più attuale che mai.


Rovesciando il monito di Marcuse, avanza il dogma di Von Hayek: “il concetto di giustizia sociale è necessariamente vuoto e privo di significato”.

Così si afferma nell’arena mondiale spoliticizzata l’ordine delle deregolalizzazione in tutti i campi. In questo nuovo modello di società avanza il nuovo clero giornalistico del circo mediatico post-moderno, composto da opinionisti nichilisti e prezzolati, in cerca di visibilità e, soprattutto di quattrini.

Continua la lettura su Momi-z

Fonte: Momi-z 

Autore: 

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.


Articolo tratto interamente da
 Momi-z



Citazione del giorno


"A volte è difficile fare la scelta giusta perché o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame."

Antonio De Curtis in arte Totò



Repubblica Dominicana

República Dominicana - The Land beyond the blue from Oliver Astrologo on Vimeo.

Photo e video credit Oliver Astrologo caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons