venerdì 17 gennaio 2020

Indovina la parola



Inserirò tre immagini e delle lettere, tocca a voi indovinare la parola giusta.





Lettere:

T-C-Z-L-A-T-P-M-N-A-V-D-C-A-R-W-O-O-Q-S


Comunicazione di servizio


Se volete mettervi in contatto con l'autore del blog per segnalazioni, critiche e suggerimenti; andate nella pagina Contatti e utilizzate la mail presente.





Immagine del giorno

Lake Albano, Italy

Lago Albano

Photo credit Trish Hartmann caricata su Flickr - licenza foto: Creative Commons


Pollice su e giù della settimana


Milano, Parco Nord: nasce la strada fiorita delle api tratto da Green Planet News





Allarme smog in Italia, cosa succede nelle grandi città tratto da la Repubblica











giovedì 16 gennaio 2020

L'Italia è tra i Paesi del mondo più colpiti dagli eventi estremi negli ultimi 20 anni



Italia tra i Paesi più colpiti al mondo dagli eventi estremi, ma rimane ancora senza un Piano di adattamento al cambiamento climatico. Roma, Milano e Napoli tra le città più colpite negli ultimi 10 anni. 8/1/20

Secondo il Global climate risk index di Germanwatch, studio pubblicato nel corso dell’ultima Conferenza sul clima di Madrid, l’Italia è tra i Paesi più colpiti al mondo dagli eventi estremi, che crescono di intensità man mano che la temperatura media terrestre aumenta. Dal 1999 al 2018 il nostro Paese ha registrato quasi 20mila morti riconducibili al clima impazzito (al sesto poto su scala globale di questa triste classifica), per un danno economico quantificabile in circa 33 miliardi di euro (18esima nazione per danno procapite).

Per comprendere meglio le criticità che sta attraversando il Belpaese, l’associazione ambientalista Legambiente, in collaborazione con il Gruppo Unipol, a fine novembre ha reso noto il rapporto 2019 dell’Osservatorio CittàClima sull’impatto dei mutamenti climatici in Italia dal titolo “Il clima è già cambiato”, diffondendo la mappa del rischio climatico nelle città italiane.

Le città sono infatti l’area più a rischio per le conseguenze legate agli eventi estremi: ci vive un numero maggiore (e crescente) di persone sempre più esposte all’intensificarsi di piogge, trombe d’aria e ondate di calore.

Dal 2010 a novembre 2019 sono stati 563 gli eventi registrati sulla mappa del rischio climatico, con 350 Comuni che hanno segnalato danni rilevanti comportando 73 giorni di stop a metro e treni e 72 giorni di blackout elettrico. Soltanto nel corso del 2018, l’Italia è stata colpita da 148 eventi estremi che hanno falcidiato 32 vite e obbligato migliaia di persone a lasciare la propria abitazione (circa 4.500 gli sfollati).

“Di fronte a processi di questa dimensione in Italia e nel mondo abbiamo bisogno di un salto di scala nell’analisi e nelle politiche; di sicuro è necessaria una forte accelerazione delle politiche di mitigazione del clima, per invertire la curva delle emissioni di gas serra come previsto dall’Accordo di Parigi”, ha dichiarato il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini, “ma in parallelo dobbiamo preparare i territori, le aree agricole e in particolare le città a impatti senza precedenti. Il problema è che il nostro Paese non è pronto e non ha ancora deciso di rendere questi interventi prioritari, fornendo strumenti e risorse alle città italiane”.

Tra gli strumenti, manca soprattutto un piano di adattamento al cambiamento climatico atteso ormai da cinque anni: nel 2014 fu approvata la Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici che, però, per avere attuazione, ha bisogno dell’approvazione del Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici (Pnacc). Di questo Piano è stata approvata una bozza aperta a consultazione pubblica nel 2017, ma la sua approvazione non è mai stata formalizzata. Per questo motivo “Legambiente chiede al governo di farlo quanto prima mettendo le città al centro delle priorità di intervento. L’Italia è l’unico grande Paese senza un piano di adattamento al clima; dobbiamo invertire il rapporto di spesa tra la riparazione dei danni e la prevenzione, oggi di quattro a uno”.



Sotto la neve, pane di Pietro Mastri


Sotto la neve, pane

Cadde la neve, ma non fu tormenta;
si cadde come fa quando rimane;
un bianco sfarfallio nell'aria spenta,
un floscio s'adagiar di bianche lane.
E da prima infiorò le rame, i fusti,
le nude siepi, tutti i secchi arbusti.
Poi disegnò come di netto smalto,
i margini, le prode, ogni rialto.
Poi s'allargò s'alzò a mano a mano,
stese una coltre là dal monte al piano.
Sii benvenuta, neve! La sementa
non crescerà precoce in spighe vane,
ché la fredda tua coltre l'addormenta.
Io sento dir: « Sotto la neve, pane ».

Pietro Mastri


Città europee

DJI DRONE VIDEO OF PARIS, HAMBURG, VENICE |  SHOWREEL 2020 from Jakob Geissele on Vimeo.

Photo e video credit Jakob Geissele caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons