giovedì 6 ottobre 2022

80 anni dalla morte del poeta spagnolo Miguel Hernández



Articolo da Rebelión

Questo articolo è stato tradotto automaticamente. La traduzione rende il senso dell’articolo, tuttavia consigliamo di leggere il testo originale su Rebelión

Quest'anno ricorre l'ottantesimo anniversario della morte del grande poeta ispanico Miguel Hernández, morto in carcere in gioventù, accusato di aver difeso la Repubblica in guerra e di professare idee comuniste.

Posso iniziare con una nota personale.

Miguel Hernández è stato per me, come per migliaia, un regalo di Joan Manuel Serrat, con «Per la libertà», «Elegia per Ramón Sijé», «Nanas de la onion», «Niño yuntero», «È arrivato con tre ferite» e altri bellissimi adattamenti.

Non molto tempo dopo sarebbe arrivata la lettura dell'Antologia che l'editoriale Losada fece delle sue poesie, una trincea per la diffusione di autori assassinati, imprigionati ed esiliati dal franchismo. E subito dopo quello di alcuni suoi libri, come El rayo que no cesa , ispirato dall'amore e affetto dall'affetto per diverse donne, come la sua fidanzata Josefina Manresa e la pittrice Maruja Mallo. E il vento militante del popolo , prodotto della sua azione politica e dell'esperienza della guerra.

Dalla campagna a Madrid, attraverso la poesia.

Quel giovane di origine di provincia è nato nel 1910 a Orihuela, provincia di Alicante. E impegnato come pastore di capre fin dall'adolescenza, al servizio dell'allevamento del padre. Con poca educazione formale, fu in grado di produrre un'opera giovanile che lo collocò nel gruppo selezionato di poeti un po' più anziani di lui, riconosciuti come la "generazione del 1927".

Vicente Aleixandre, Rafael Alberti, Manuel Altolaguirre, tra gli altri, hanno stabilito una relazione con lui. Oltre a due sudamericani in terra spagnola dell'epoca: Pablo Neruda e Raúl González

Tuñón, al quale all'epoca dedicò due poesie.

La sua formazione ideologica iniziale avviene all'interno del cattolicesimo, spinto dal bigottismo della sua città natale, ricca di chiese e monasteri. Oltre alla sua cerchia iniziale di amici, in particolare Ramón Sijé, poeta e caro amico, di pensiero cattolico e conservatore, insieme al quale promuoverà una pubblicazione letteraria intitolata El gallo Crisis.

Già stabilitosi a Madrid, noto per le poesie ivi pubblicate e legate all'ambiente letterario della capitale, ruppe con il piccolo mondo di provincia intriso di clericalismo e poesia di ispirazione religiosa. Stimolato dalla fioritura intellettuale della sinistra, mosso dalla povertà e dalla disuguaglianza, iniziò a coltivare una poesia più segnata da risonanze sociali e politiche.

E subito dopo optò per la militanza, opzione non estranea alla definizione comunista di alcuni suoi amici. Si unì al comunismo spagnolo nel gennaio 1936. Non a caso, dopo aver subito un arresto accompagnato da maltrattamenti da parte della Guardia Civile. Confessò all'amico Alberti che dopo aver vissuto quella vicenda le cose erano diventate più chiare in politica.

Quasi contemporaneamente, pubblicò sul quotidiano madrileno El Sol , come commento alla Residencia en la Tierra di Pablo Neruda , un chiaro pronunciamento contro la cosiddetta "poesia pura". La sua dichiarazione poetica era in linea con la sua opzione militante.

In quel tempo erano state recepite le cosiddette "missioni pedagogiche", una linea di azione educativa e culturale sul campo, creata dal governo della Repubblica. hanno scartato

soprattutto nelle zone rurali, con spettacoli teatrali, proiezioni di film, recital di poesie. Il poeta partecipò a una missione che percorse diversi paesi della provincia di Salamanca.

Nella guerra.

Dopo il colpo di stato militare, Miguel si arruolò nel settembre 1936 nel V Reggimento, l'unità per eccellenza del partito a cui apparteneva. Non occupò una posizione di retroguardia, come altri intellettuali e artisti, ma marciò al fronte. Ha iniziato come geniere, scavando trincee in prima linea. Da lì fu chiamato ad essere assegnato al commissariato di diverse unità.


Ha collaborato con personaggi militari famosi, come "El Campesino" e Vittorio Vidali (alias "Comandante Carlos"). E tra gli altri luoghi di combattimento fu sul fronte di Madrid, nell'assedio del santuario di Santa María de la Cabeza e nella battaglia di Teruel.

Durante parte della guerra fu sul fronte meridionale, a Jaén, come redattore di un giornale per combattenti su quel fronte, Altavoz del Sur , e incaricato di compiti di alfabetizzazione tra i soldati.

Da lì ha prodotto una vivace prosa giornalistica e propagandistica. Il suo tempo in guerra è stato proiettato anche nella poesia di combattimento, come quella nel suo libro Viento del pueblo . Tra le poesie incluse in quel volume c'è "Seduto sui morti", di identificazione lacerata con i lavoratori e i poveri della Spagna sofferente:

Canto con voce di lutto,
popolo mio, per i tuoi eroi: i
tuoi desideri come i miei,
le tue disavventure che hanno
lo stesso metallo in lacrime,
i dolori dello stesso temperamento,
e dello stesso legno
i tuoi pensieri e la mia fronte,
il tuo cuore .e il mio sangue,
il tuo dolore e i miei allori.
Dal nulla
questa vita mi sembra.
Eccomi qui per vivere
quanto sogna la mia anima,
ed eccomi qui per morire,
quando verrà la mia ora,
nelle sorgenti della città
da ora e per sempre.
Diversi drink sono la vita
e un drink è la morte

Prodotto la sconfitta della repubblica e senza appoggio per aiutarlo a preservare la sua libertà riuscì a lasciare la Spagna attraverso il confine portoghese. Fu denunciato poco dopo il suo trasferimento e la polizia al servizio della dittatura di Antonio de Oliveira Salazar lo arrestò e lo deportò nelle terre già controllate da Francisco Franco.

Nelle carceri di Franco.

Una volta detenuto a Huelva, subì gravi torture e iniziò un doloroso viaggio attraverso varie carceri. I suoi frequenti trasferimenti coprivano buona parte del territorio spagnolo. Era un itinerario che sembrava pensato per peggiorare la sua situazione già molto dolorosa.

La loro permanenza in carcere non differiva da quella di centinaia di migliaia di spagnoli imprigionati dai vincitori. Maltrattamenti, fame, sovraffollamento, condizioni igieniche terribili.

In uno dei processi arbitrari dell'epoca, nel marzo 1940 fu condannato a morte per "aver partecipato alla ribellione militare". Poi la sua condanna a morte è stata commutata in trent'anni di reclusione, il successivo sulla scala. C'erano risorse per la revisione della sentenza che i tribunali della dittatura si sono occupati di respingere.

In carcere si ammalò presto. Ha preso la febbre tifoide. Ma è stata la tubercolosi che ha finito di minare il suo organismo. Ha trascorso la sua malattia in un'infermeria della prigione, in cui mancavano anche le forniture più elementari per fornirgli le cure.

Mentre stava attraversando queste sofferenze, alcuni franchisti lo fecero continuamente pressioni affinché mostrasse "pentimento" e quindi ricevesse un trattamento migliore e persino la sua libertà. Non si arrese a loro e così conservò la sua libertà interiore e le sue idee.

Nelle carceri continuò a scrivere, soprattutto prima che la sua malattia diventasse gravissima. Dal suo tempo in carcere risalgono parte delle poesie raccolte nel suo libro Songbook e ballate delle assenze e le sue ultime poesie, non raccolte in un volume.

Al ritmo della reclusione, i suoi versi assunsero una vena più intima, senza escludere la protesta contro i suoi carcerieri.

Un esempio di questo periodo è una delle sue poesie più famose, intitolata "Prima dell'odio", attraversata dalla reclusione e dall'amore per la moglie. Vale la pena trascrivere la sua strofa finale:

No, non c'è prigione per quell'uomo.
Non saranno in grado di legarmi, no.
Questo mondo di catene
mi è piccolo ed estraneo.
Chi nasconde un sorriso?
Chi mura una voce?
In lontananza tu, più solo
della morte, l'uno e me.
In lontananza tu, che senti
la mia prigione tra le tue braccia, tra le tue braccia dove
batte
la libertà di entrambi .
Sono libero. liberarmi
Solo per amore.

Tra le sue sofferenze c'era l'apprendere che sua moglie e suo figlio erano impantanati nella miseria, mentre dalla sua reclusione non poteva aiutarli. Avevano solo cipolle e pane da mangiare. La sua risposta è stata ancora una volta la scrittura poetica. Scrisse i versi belli e dolorosi di "Nanas de la onion", di cui riproduciamo alcuni:

La cipolla è
chiusa e povera brina:
gelo dei tuoi giorni
e delle mie notti.
Fame e cipolle:
ghiaccio nero e brina tonda grande
.

Nella culla della fame
c'era mio figlio.
Con sangue di cipolla
ha succhiato.
Ma il tuo sangue,
gelido di zucchero,
cipolla e fame.

La sua morte è stata un crimine, la sua poesia vive anche nei taxi di Cuba.

La malattia dei suoi polmoni avrebbe portato alla sua morte, avvenuta il 28 marzo 1942, nella prigione di Alicante. Il poeta aveva 31 anni. Gli sopravvissero sua moglie Josefina, suo figlio Manuel e un'opera che lo collocò tra i più importanti poeti spagnoli della sua generazione e per tutto il XX secolo.

La sua morte prematura, diretta conseguenza dei maltrattamenti inflittigli, costituisce, insieme a quella di Federico García Lorca, uno degli assassinii di grandi poeti commessi dal regime franchista. Quello di Federico era sotto tiro, quello di Miguel per la via leggermente più subdola di maltrattamenti, torture e abbandono.

Gli spagnoli furono privati ​​della loro poesia durante il regime franchista, che li ripugnava per essere "rossi", combattendo per la Repubblica e generando poesie incompatibili con gli obiettivi della dittatura. Fu solo nel 1949, dopo la censura, che El Rayo Que No Cesa fu pubblicato nella penisola. La suddetta Antologia di Losada non poteva circolare in tutta la Spagna, soprattutto per il fatto che conteneva il poema militante Viento del pueblo.

Niente di tutto ciò ha minato minimamente l'apprezzamento e la diffusione della poesia hernandiana all'interno e all'esterno della Spagna. Un esempio significativo a questo proposito: si dice che molti tassisti dell'Avana, Cuba, conoscano a memoria alcune sue poesie, grazie alla presenza costante delle composizioni di Hernández nelle scuole dell'isola.

***

Questo articolo è il testo base di una rubrica in onda sul programma radiofonico Memoria in rosso, giallo e viola , che va in onda su Radio Caput il sabato dalle 19 alle 20.


Continua la lettura su Rebelión

Fonte: Rebelión

Autore: Daniel Campione

Articolo tratto interamente da Rebelión


Ultima canzone di Miguel Hernández



Ultima canzone


Dipinta, non vuota:

dipinta è la mia casa

del colore delle grandi

passioni e disgrazie.


Ritornerà dal pianto

dove fu portata

con il suo tavolo deserto

con il suo letto rovinoso.


Fioriranno i baci

sopra i cuscini.

E intorno ai corpi

solleverà il lenzuolo

il suo intenso rampicante

notturno, profumato.


L’odio ammortisce

dietro la finestra.

Sarà artiglio soave.

Lasciatemi la speranza.


Miguel Hernández


15 ottobre: 24h non stop per la libertà di Julian Assange



Comunicato da 24hassange

Julian Assange è un uomo, un giornalista che ha rivelato i crimini e i criminali delle guerre in Afghanistan e in Iraq degli Stati Uniti.

Julian Assange per questo è stato punito, è stato ingiustamente incarcerato e imbavagliato, gli è stato impedito di fare informazione. Mentre i crimini e i criminali sono impuniti e assolti.

Julian Assange rischia di essere  estradato negli Stati Uniti e condannato a morte con 175 anni di carcere.

Julian Assange ha due figli  piccoli e ha accanto una compagna e avvocata, Stella Assange, che continua a lottare.

Julian Assange è il simbolo di tutti i giornalisti, le giornaliste, le voci libere che con lui possono essere messe a tacere.

Julian Assange rappresenta un modello di mondo nuovo e migliore dove l’ingiustizia va condannata e i diritti umani difesi.

Sono sempre più numerose le iniziative per la libertà di Assange e per impedirne la pericolosa estradizione negli USA.

Ti invitiamo a partecipare a un’iniziativa grandiosa che possa far conoscere il suo caso in tutto il pianeta: 24 ore non stop dove giornalisti, attivisti, artisti, persone di cultura manifesteranno in tutto il pianeta per la libertà di Julian. Il 15 Ottobre sul Pianeta Terra.

Aderisci a: 24hAssange@proton.me

Per maggiori informazioni: https://www.24hassange.org/


Francia: gli enti locali possono scegliere tra aumentare le tasse o ridurre i servizi pubblici per pagare le bollette energetiche



Articolo da Wikinews

Questo articolo è stato tradotto automaticamente. La traduzione rende il senso dell’articolo, tuttavia consigliamo di leggere il testo originale su Wikinews

Di fronte all'esplosione del costo dell'energia, dopo le piscine, tocca a scuole e ospedali non accendere il riscaldamento, mentre si abbassa la durata dell'illuminazione pubblica. Non tutte le piscine sono ancora chiuse, alcune come a Nogent-sur-Marne, restano aperte senza riscaldamento, ma necessitano di una tuta termica per nuotare in acqua a 19 gradi dal 1 ottobre. A Digione (Côtes d'Or), gli hotel tagliano l'acqua calda e il riscaldamento ai loro clienti.

A Nizza la bolletta del riscaldamento di un condominio nel quartiere Valrose è passata da 89.000 euro dell'inverno 2021/22 a 684.000 euro dell'inverno 2022/23, ovvero un aumento del 600%. Di conseguenza, i comproprietari vogliono che l'intero condominio faccia a meno del riscaldamento quest'inverno e sempre più residenti vogliono che i costi del riscaldamento siano individualizzati, con sensori negli appartamenti o distributori di energia sui radiatori.

A Vire (Calvados), nonostante la temperatura delle stanze di 15°C, la direzione dell'ospedale pubblico si rifiuta di accendere il riscaldamento.

In Hauts-de-France, gli studenti delle scuole medie e superiori avranno lezione il mercoledì pomeriggio invece che il sabato mattina e la classe potrebbe anche interrompersi a mezzogiorno del venerdì. A Caen (Calvados) la bolletta del gas e della luce per l'Università di Caen è passata da 4 a 14 milioni di euro in due anni, ovvero +350%. Ma l'università si rifiuta di ristabilire il distanziamento e il telelavoro come ai tempi del Grande Contenimento così come di seguire l'Università di Strasburgo, che ha esteso di due settimane la durata delle vacanze di Natale.

A Saint-Rémy-sur-Avre (Eure-et-Loir), i bambini contraggono la bronchite in classe a una temperatura di 13°C. A Limoges (Haute-Vienne), nonostante le temperature di appena dieci gradi, il riscaldamento delle scuole non sarà acceso prima del 15 ottobre.

A Périers (Manche) il municipio fornirà i vello agli alunni delle scuole materne ed elementari e l'illuminazione pubblica verrà spenta  alle 23:00. Un comune che taglia l'illuminazione per 6 ore dovrebbe risparmiare il 40%. Ma a Quimperlé (Bretagna) l'estinzione tra le 22:00  e  le 6:00 ha ridotto il conto solo del 10 %.

A Longueville (Seine-et-Marne), l'illuminazione pubblica è interrotta dalle 23:00 alle 5:00A Fontainebleau l'illuminazione pubblica sarà tagliata dall'1:30 alle 5:00, ma saranno mantenute le luminarie natalizie.

A Parigi, le luminarie dell'avenue des Champs-Élysées si spegneranno dalle 23:45rispetto alle  2:00 usuali (tranne il  24 e 31 dicembre) e più di sei settimane invece delle sette precedenti.

A Ginevra (Svizzera) il riscaldamento degli edifici pubblici è stato posticipato al 15 ottobre, le loro luci saranno spente dalle 23:00 e quest'anno la pista di pattinaggio del Giardino Inglese non sarà installata. Le luci di Natale saranno mantenute. Anche la città di Nîmes (Gard) quest'anno non avrà una pista di pattinaggio. E a Pont-L'Abbé, niente ghirlande questo Natale oa La-Roche-Jaudy (Côtes-d'Armor).

I dipendenti del Consiglio dipartimentale dell'Ille-et-Vilaine dovranno ora lavarsi le mani con acqua fredda.

Per evitare lo storico blackout del 1978 che fece precipitare la Francia in un "blackout" per un'intera giornata, la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato, il 27 settembre, un'ordinanza che autorizzava l'Enedis e gli altri fornitori di energia elettrica a interrompere temporaneamente la fornitura di elettrodomestici dotati di commutazione durante le ore non di punta, come scaldabagni, tramite il contatore Linky. Se ciò non bastasse, il distacco dei carichi dai quartieri sarà gestito dalla rete elettrica di media tensione e non tramite il contatore Linky.

A Rennes (Bretagna) la bolletta energetica è passata da 5 milioni di euro nel 2020 a 24 milioni di euro nel 2023. Per far fronte a questi aumenti, alcuni comuni non esitano ad aumentare l'imposta sugli immobili di quasi il +900% come a Droué-sur -Drouette (Eure-et-Loir).

Continua la lettura su Wikinews

Fonte: Wikinews


Autori: vari

Licenza: Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 2.5 Generic License.

Articolo tratto interamente da 
Wikinews - La source d'information que vous pouvez écrire


Il primo uomo...



"Il primo uomo che, avendo recinto un terreno, ebbe l'idea di proclamare questo è mio, e trovò altri così ingenui da credergli, costui è stato il vero fondatore della società civile. Quanti delitti, quante guerre, quanti assassinii, quante miserie, quanti orrori avrebbe risparmiato al genere umano colui che, strappando i pali o colmando il fosso, avesse gridato ai suoi simili: «Guardatevi dall'ascoltare questo impostore; se dimenticherete che i frutti sono di tutti e che la terra non è di nessuno, sarete perduti!"

Jean-Jacques Rousseau


 


Vi ricordo l'iniziativa poesie e racconti dal web





Voglio ricordare a tutti gli amici e lettori di questo blog, l'iniziativa poesie e racconti dal web. Se siete interessati alla pubblicazione di una vostra opera su questo blog, inviatemi la vostra richiesta via mail.


Proverbio del giorno

 

Quando gli elefanti si fanno la guerra, è l’erba a rimanere schiacciata.

Proverbio africano