mercoledì 17 dicembre 2014

Abbassa il tuo sguardo, bella luna di Walt Whitman


Abbassa il tuo sguardo, bella luna

Abbassa il tuo sguardo, bella luna, e inonda questa scena,
Versa benigna i fiotti del nimbo della notte
Su volti orrendi, tumefatti, violacei,
Sopra i morti riversi con le braccia spalancate,
Versa il tuo nimbo generoso, sacra luna.

Walt Whitman



Paul, Mick e gli altri: recensione del film



Paul, Mick e gli altri (The Navigators) è un film del 2001 diretto da Ken Loach.


Trama

Racconta la storia di cinque ferrovieri dello Yorkshire che affrontano la privatizzazione del servizio ferroviario di manutenzione per il quale lavorano. Saranno costretti a confrontarsi con la precarietà e l'insicurezza del nuovo mercato del lavoro. Il film fu ispirato dal fallimento delle società ferroviarie Connex South Central e the Connex South Eastern. La società Connex perse la concessione per entrambe le linee ferroviarie per la cattiva gestione.

Curiosità sul film

Il film è stato presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Vi segnalo (post interessanti da altri blog)


Oggi vi consiglio:

Lettera a Babbo Natale... tratto da Queer as Blog

Invito a leggere questo post.

Header personalizzabili: x blog che trattano recensioni di libri tratto da Graphics Phoenix

Header gratis per i vostri blog.

YouTube, i video possono essere trasformati in GIF animate tratto da Geekissimo

Una nuova funzionalità sul noto portale.

Citazione del giorno


"Potrete ingannare tutti per un po’. Potrete ingannare qualcuno per sempre. Ma non potrete ingannare tutti per sempre."

Abramo Lincoln
 
 

Pakistan: strage in una scuola di Peshawar

2014 Peshawar School Attack Location Map

Articolo da Reset Italia

Menti sconvolte e perverse hanno  pianificato un massacro come quello consumato  nella Scuola pubblica militare, Warsak Road, di Peshawar (Pakistan nord-occidentale)  con un bilancio di 135 morti di cui 123 bambini, 250 feriti, di cui almeno 80 sono  gravi. Questa macelleria è stata pianificata  intorno alle 10,30 locali (le 6,30 italiane),  rivendicata dal Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP), il più importante movimento talebano pachistano: uno degli attentatori si è fatto ad un certo punto esplodere all’interno dell’edificio in una zona affollata e  i militanti hanno allineato un gruppo di studenti più grandi in una stanza, uccidendoli a bruciapelo.
Il commando era composto di 6 mostri, tutti poi morti ammazzati.Muhammad Umar Khorasani, portavoce del Movimento dei Talebani del Pakistan ha dichiarato: “Abbiamo scelto con cura la scuola militare perché il governo ha preso di mira le nostre famiglie, e le nostre donne. Vogliamo far provare loro (ai militari) il nostro stesso dolore. La scuola è stata scelta  proprio perché frequentata dai figli di alti ufficiali”.

Continua la lettura su Reset Italia

Fonte: Reset Italia

Autore: Doriana Goracci

Licenza: Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.



Articolo tratto interamente da Reset Italia

Photo credit © OpenStreetMap contributors [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

martedì 16 dicembre 2014

Un anno di blog: intervista a Patricia del blog Myrtilla's house


Oggi parte ufficialmente l'iniziativa un anno di blog. Il primo post è un intervista che mi ha concesso Patricia del blog Myrtilla's house.
 
1) Puoi fare un bilancio per il tuo anno di blog?

Un bilancio? Più che positivo. Direi anche eccezionale! Nell'ultimo anno ho visto le visite e i lettori aumentare notevolmente e così i commenti. L'interazione è cresciuta, si è fatta più viva e vivace. Credo che sia la soddisfazione più grande per una blogger soprattutto imbranata come me. E' senz'altro uno stimolo a continuare e migliorare perché lo so che di strada per raggiungere livelli migliori ne ho ancora tanta.
Però, di certo il 14 dicembre 2012 quando aprii il blog non avrei mai immaginato di arrivare a festeggiare il secondo compleanno e di aver sempre più interesse per questa "creatura" mia, solo mia.
Grazie a tutti coloro che mi aiutano e mi spronano con commenti e visite ad andare avanti.

2) Quale post ti è rimasto nel cuore?

Indubbiamente quello su Sallah, il ragazzo marocchino che staziona davanti al supermercato. Non soltanto perché ha avuto successo tra i lettori ma anche perché ho potuto ribadire un concetto per me importantissimo. Non si deve giudicare dalle differenze, che siano di pelle o politica o religione. Prima parliamoci, ascoltiamoci e poi... e poi non si giudica comunque.

3) Che cosa aspetti di nuovo dal team di Blogger?

Non saprei, sinceramente. Diciamo che mi piacciono le sorprese

4) Sogni per il 2015?

Sogni tanti. Riferiti al blog, fare meglio anche perché so che è possibile fare meglio di quello che faccio. Per la vita... vincere alla lotteria, trasferirmi ai Caraibi, andare su Saturno a vedere gli anelli di persona... diciamo che lascio fare al destino. Un po' di serenità, magari, sarebbe ben accetta, però.

5) Puoi lasciare un augurio a tutti gli amici?

 

Agli amici auguro soltanto che tutti i loro desideri importanti, non le scemate di cui ho parlato io sopra, si avverino. I desideri che contano, intendo; che siano di lavoro o di salute o di una buona quota di tranquillità emotiva.
Ai nemici invece auguro... la stessa cosa!

 
 Ringrazio Patricia per l'intervista e invito gli amici a visitare il suo blog.

Se vuoi aderire all'iniziativa un anno di blog, basta contattarmi via e-mail, cliccando sul banner "Contatti".


 

Notizie dal web

Invito alla lettura di questi articoli.