sabato 16 dicembre 2017

Gli auguri di fine anno di Sugar Free


Anche Sugar Free vuole lasciare i suoi auguri.


Gli auguri di fine anno di Sugar Free

"Auguro a tutti noi un anno pieno di libri, sperando che possano aprirci il cuore e la mente e guidare tutti noi verso la costruzione di un mondo migliore!"

Sugar Free


Ringrazio Sugar Free per la sua adesione a questa iniziativa.


Se vuoi aderire all'iniziativa Il tuo augurio di fine anno, basta contattarmi via mail, cliccando sul banner "Contatti".



Il consumismo sfrenato toglie anche le festività ai lavoratori


Articolo da Vulcano Statale

Luminarie accese, mercatini dappertutto e nevrosi da regalo: il Natale sta arrivando. Ha deciso, irriverente, di non rispettare più l’8 dicembre per iniziare a manifestarsi in tutte le sue forme materiali, anzi anno dopo anno viene ansiosamente anticipato sempre di più, tanto che le lucine a forma di pacco regalo e abeti sono comparse già a partire da metà dello scorso novembre.

Supermercati e negozi rassicurano il consumatore con un’insegna che a caratteri cubitali recita: aperti anche il 24, il 25 e il 31 dicembre.

Insomma, se non farai in tempo a prendere i regali o ti accorgerai di esserti dimenticato di qualcosa all'ultimo minuto, non temere: da qualche parte troverai un centro commerciale aperto e al tuo servizio, dove potrai soddisfare l’esigenza dell’ultimo minuto.

Ma a che prezzo? Se da una parte viene esaudito il desiderio del consumatore abituato ad ottenere tutto e subito, dall'altra una schiera di commessi e cassieri è costretta a lavorare. Questa logica del restare necessariamente sempre aperti, in qualsiasi giorno, a qualunque ora, è stata assimilata soprattutto dai centri commerciali, aperti tutto il giorno e tutti i giorni dell’anno (inclusi festivi e domeniche). In generale, sembra che le persone non abbiano più tempo di fare acquisti nei giorni lavorativi, acquisti che vanno dai più basilari (quelli per soddisfare bisogni fisiologici per intenderci, come il cibo) ai più futili (non necessari per la sopravvivenza). Come ci si barcamenava prima, quando i supermercati erano chiusi di  domenica? Ci si chiede. Quando si compravano i regali di Natale?

In questi tempi di lavoro senza turni fissi, a chiamata, con reperibilità 24/7 e orari sregolati, pensiamo che in fondo tutto questo ci sia dovuto, che sia un diritto o una agevolazione indispensabile il poter fare acquisti in qualsiasi momento ― quando il lavoro ce lo concede.

Non pensiamo mai, però, che le persone che ci permettono il privilegio di questa condizione (commessi e cassieri) subiscono l’assenza di questa condizione e sono quindi impossibilitati a usufruire dello stesso diritto all'acquisto sfrenato e incessante.

Continua la lettura su Vulcano Statale


Fonte: Vulcano Statale


Autore: 
Sheila Khan


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale



Articolo tratto interamente da 
Vulcano Statale



Citazione del giorno

 

"L'uomo non è cattivo. Ha solo paura di essere buono."

Eduardo De Filippo



La neve di Helge Rode


La neve

Del mondo la più tacita creatura,
quando scende leggiera nell'aria,
spegne i tuoi passi
e soffoca le voci
troppo sonore.
Del mondo la più limpida creatura,
molle piuma di cigno,
dal bianco cielo placida discende.
Sul tuo palmo una falda
 è una rorida stilla di pianto.
Bianchi pensieri silenziosi danzano.
Al mondo nulla più di lei consola.
Taci e ascolti, finché il silenzio suona.
Così
soave nota,
nota d'argentea squilla,
nel profondo del cuore ti risuona.


Helge Rode 


16 dicembre 1631 - L'eruzione del Vesuvio causa almeno 4000 decessi e moria di bestiame



Articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'eruzione del Vesuvio del 1631 fu un evento eruttivo verificatosi sul Vesuvio nel corso della prima metà del XVII secolo e la cui fine avvenne, secondo la tradizione, solo dopo l'esposizione della statua di San Gennaro dinanzi al vulcano.

Dopo numerosi eventi premonitori quali rigonfiamento del suolo, piccoli terremoti che si manifestavano già da qualche mese e prosciugamento delle fonti, all'alba del 16 dicembre del 1631 avvenne l'eruzione che seguì un periodo di inattività di circa 130 anni: il fenomeno si manifestò con l'apertura di una bocca laterale sul versante Sud-Est con una iniziale fase di attività stromboliana e forse l'emissione di una colata di lava (per alcuni autori invece quest'ultima non avvenne). Una prima fase espulse ceneri frammiste all'acqua che scesero a valle a grandi velocità, oltre a colonne di vapore. Successivamente ebbe luogo una violenta attività esplosiva dal cratere centrale con un'alta colonna di ceneri, pomici e gas.

Nella seconda parte della giornata del 16 dicembre e nella successiva del 17 vi fu l'emissione di flussi piroclastici che mieterono le prime vittime a Portici, Torre del Greco e negli altri paesi ai piedi del vulcano e costrinsero gran parte della popolazione a cercar rifugio a Napoli. Nel corso dell'eruzione si ebbero violenti scrosci di pioggia che mobilizzarono le ceneri deposte sui pendii del vulcano e causarono valanghe di fango che coprirono la maggior parte dei paesi sulle sue pendici. Nel corso del secondo giorno dell'eruzione (17 dicembre), l'arcivescovo ordinò una nuova processione di intercessione con l'esposizione delle reliquie di san Gennaro e, secondo molti storici e letterati dell'epoca, l'eruzione cominciò a scemare proprio quando la statua del Santo fu rivolta al vulcano.
Dipinto di Scipione Compagno

L'eruzione ebbe fine 17 giorni dopo aver eruttato un quantitativo di circa cento milioni di metri cubi di lava.

Nel 1633 sulla cappella del tesoro fu scolpita in sua riconoscenza la seguente dedica: Divo Jannuario - Patriae, regnique praesentissimo tutelari - grata Neapolis.

Continua la lettura su Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.



venerdì 15 dicembre 2017

Gli auguri di fine anno di Mirtillo



Ecco l'augurio di Mirtillo al mondo.


Gli auguri di fine anno di Mirtillo


"Cari amici, per il nuovo anno, 
vi auguro di saper prendere la vita con un poco di leggerezza e con un pizzico di ironia, di saper dare il giusto peso e la giusta importanza alle persone e a ciò che accade... 
vi auguro di lasciar andare senza rimpianti ciò che va lasciato e di tenere stretto ciò che va tenuto... 
vi auguro di non essere mai vittime dell'indifferenza altrui e di non essere indifferenti verso il prossimo in difficoltà...
vi auguro di dare e ricevere in giusta misura. 
Buon 2018 a tutti !"

Mirtillo14

Ringrazio anche l'amica blogger Mirtillo per la sua adesione.


Se vuoi aderire all'iniziativa Il tuo augurio di fine anno, basta contattarmi via mail, cliccando sul banner "Contatti".



Negli Stati Uniti abolita la neutralità della rete

L'amministrazione Trump smantella anche la neutralità della rete.


Link diretto: https://www.ilsoftware.it/articoli.asp?tag=Neutralita-della-rete-affossata-negli-Stati-Uniti-i-provider-potranno-filtrare-i-dati-e-bloccare-il-traffico_16613