domenica 24 giugno 2018

24 giugno 1944 - Eccidio della Bettola


Articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'eccidio della Bettola fu una rappresaglia nazista avvenuta nell'appennino reggiano il 24 giugno 1944, durante la quale vennero trucidati 32 civili.

Poiché il tentativo di far saltare un ponte in muratura sulla strada statale 63, nella località La Bettola di Vezzano sul Crostolo, proprio al confine con il comune di Casina, era parzialmente fallito un gruppo di partigiani che tentavano di portare a compimento l'azione si scontrarono verso le 22:30 del 23 giugno 1944 con soldati tedeschi sopraggiunti per impedirlo. Nello scontro a fuoco morirono due tedeschi e i partigiani Enrico Cavicchioni, Pasquino Pigoni e Guerrino Orlandini. Alle ore 23:15 dello stesso giorno si mossero da Casina militari tedeschi per la rappresaglia che iniziò verso le ore 1 del giorno 24. Trentadue persone, tutte ospiti della locale locanda, vennero dapprima presi in ostaggio e costretti rimanere a lungo a terra, poi vennero divisi in due gruppi per facilitarne l'eliminazione e i cadaveri in seguito furono bruciati. Tra le vittime anche Piero Varini un bambino di diciotto mesi che fu gettato nel fuoco ancora vivo. La bambina di undici anni Liliana Manfredi per salvarsi si lanciò dalla finestra di una casa data alle fiamme dai soldati tedeschi. Rottasi una caviglia nel salto rimase nascosta semi svenuta sul greto del torrente finché non fu ritrovata da un soldato tedesco che presala in braccio la sposto sul ciglio della strada in modo che fosse poi ritrovata e soccorsa. Liliana, ritrovata all'indomani e, portata in ospedale, fu curata insieme agli unici superstiti della rappresaglia: l'oste Romeo Beneventi, alcuni carrettieri che si erano nascosti in cantina e un giovane di nome Paolo Magnani, fuggito nel solaio dell'osteria.


Continua la lettura su Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.




Mattino di Rabindranath Tagore


Mattino

Il mare di silenzio del mattino
si ruppe in un mormorìo
di canti di uccelli.
Sul bordo della strada
i fiori erano tutti felici
e l'oro del sole si spargeva
attraverso una schiarita di nubi.

Rabindranath Tagore

Polignano a Mare

Polignano a Mare, Italy from Andrea D'Amico on Vimeo.

Photo e video credit Andrea D'Amico caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons 


Torino

Turin from Barry K on Vimeo.

Photo e video credit Barry K caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons 

venerdì 22 giugno 2018

Rispetto!




"Non incontrerai mai due volti
assolutamente identici.
Non importa la bellezza o la bruttezza:
queste sono cose relative.
Ciascun volto è il simbolo della vita.
E tutta la vita merita rispetto.
È trattando gli altri con dignità
che si guadagna il rispetto
per se stessi."



Tahar Ben Jelloun


Vi ricordo la pagina ufficiale Facebook di questo blog


Vi prego di far conoscere questa pagina. Grazie a tutti del vostro sostegno.
Posted by web sul blog on Domenica 12 aprile 2015



Citazione del giorno


"Odio intensamente le discriminazioni razziali, in ogni loro manifestazione. Le ho combattute tutta la mia vita, le continuo a combattere e lo farò fino alla fine dei miei giorni."

Nelson Mandela