sabato 31 gennaio 2015

La quiete dopo la tempesta di Giacomo Leopardi


La quiete dopo la tempesta

Passata è la tempesta:
odo augelli far festa, e la gallina,
tornata in su la via,
che ripete il suo verso. Ecco il sereno
rompe là da ponente, alla montagna;
sgombrasi la campagna,
e chiaro nella valle il fiume appare.
Ogni cor si rallegra, in ogni lato
Risorge il romorio,
torna il lavoro usato.
L’artigiano a mirar l’umido cielo,
con l’opra in man, cantando,
fassi in su l’uscio; a prova
vien fuor la femminetta a cor dell’acqua
della novella piova;
e l’erbaiuol rinnova
di sentiero in sentiero
il grido giornaliero.
Ecco il sol che ritorna, ecco sorride
Per li poggi e le ville. Apre i balconi,
apre terrazzi e logge la famiglia:
e, dalla via corrente, odi lontano
tintinnio di sonagli; il carro stride
del passegger che il suo cammin ripiglia.
Si rallegra ogni core.
Sì dolce, sì gradita
Quand’è, com’or, la vita?
Quando con tanto amore
l’uomo a’ suoi studi intende?
o torna all’opre? o cosa nova imprende?
quando de’ mali suoi men si ricorda?
Piacer figlio d’affanno;
Gioia vana, ch’è frutto
del passato timore, onde si scosse
e paventò la morte
chi la vita abboria,
onde in lungo tormento,
fredde, tacite, smorte,
sudar le genti e palpitar, vedendo mossi alle nostre offese
folgori, nembi evento.
O natura cortese,
son questi i doni tuoi,
questi i diletti sono
che tu porgi ai mortali. Uscir di pena
è diletto fra noi.
Pene tu spargi a larga mano; il duolo
spontaneo sorge: e di piacer, quel tanto
che per mostro e miracolo tal volta
nasce d’affanno, è gran guadagno. Umana
prole cara agli eterni! assai felice
se respirar ti lice
d’alcun dolor: beata
se te d’ogni dolor morte risana.

Giacomo Leopardi

7 commenti:

  1. Bello veramente sia il titolo che l'immagine, aggiungo poi stupenda poesia di Giacomo Leopardi.

    RispondiElimina
  2. Bellissima poesia . Amo Leopardi , ma quanta fatica impararla a memoria
    a scuola.....Buona Domenica Cavaliere ! Laura A.

    RispondiElimina
  3. Poesia di antica memoria questa! Molto più apprezzata ora di quando la dovevo studiare a memoria!
    La foto è stupenda! Più indicata di così non si poteva.
    Come una esplosione di luce e serenità!
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao Vincenzo!
    Come si fa a non amarla questa poesia?
    Super post, bacio.

    RispondiElimina
  5. Oggi pomeriggio a Genova è venuta una grandinata particolare, forte, che è durata molto, con tuoni e meraviglia. Leggendo i versi ho subito pensato al sollievo che ho provato quando ho visto arrivare il sereno. Anche se in questo periodo ho alcuni pensieri... grazie di averci regalato Leopardi. Ely

    RispondiElimina
  6. Fra Leopardi e Lucrezio è un party alla depressione innata, forse un pizzico di ottimismo non avrebbe fatto male.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. la foto illustra molto bene le parole secondo me

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.