martedì 6 gennaio 2015

Flessibilità


 
"Flessibilità è una parola che suona bene, così come riforme, e quindi si presume che sia una cosa buona. Ma in realtà flessibilità significa precarietà. Vuol dire andare a dormire senza sapere se al mattino avrai ancora il tuo posto di lavoro. Naturalmente, qualsiasi economista sarà in grado di spiegarvi che si tratta di una buona ricetta per l'economia, e infatti lo è se si tratta di aumentare i profitti, ma non per migliorare il tenore di vita della gente."

Noam Chomsky

Tratto da | Il golpe silenzioso di Noam Chomsky





8 commenti:

  1. Caro Vincenzo, credo che possiamo dire che nessuno, dico nessuno sa cosa veramente ci aspetta. Buona festa dell'Epifania caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Insomma ... è un'altra parola per dire "Piove sempre sul bagnato" .. la cosa non cambia ..
    Buon anno e a presto .. Dream Teller

    RispondiElimina
  3. Beh su questo argomento non c'è bisogno di un economista per capirlo... Buona serata

    RispondiElimina
  4. Parole sagge...occorrerebbe veramente un cambiamento di intenti per il benessere generale e non di pochi...Ciao.

    RispondiElimina
  5. Queste parole sono molto realistiche.
    Quello che mi chiedo è: come fa a migliorare l'economia se non si cerca di migliorare e non peggiorare, il tenore di vita di ogni singolo individuo?
    Ciao Vincenzo.

    RispondiElimina
  6. La flessibilità di per sè è una cosa positiva, ma se mal applicata, diventa rovinosa.... come la precarietà.
    Dani

    RispondiElimina
  7. Assioma di Finsley: "Tanto la gente spende lo stesso".

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.