venerdì 23 luglio 2021

Green Pass obbligatorio per tante attività a partire dal 6 agosto



Articolo da Vivere Italia

Il Governo ha trovato la quadra sul nuovo decreto Covid che introduce il green pass, la certificazione che regola la vita sociale durante la pandemia e consente di poter viaggiare, accedere agli eventi, andare in palestra e mangiare al chiuso nei bar e ristoranti.

La ripresa dei contagi da Covid 19 e il rallentamento della campagna vaccinale ha imposto una accelerazione alla cabina di regia già da giorni al lavoro sul green pass. Dopo il confronto con le Regioni, il premier Mario Draghi ha illustrato, insieme al ministro della Salute Roberto Speranza, il nuovo Decreto Covid approvato dal Consiglio dei Ministri. Ecco nel dettaglio ecco cosa prevedere il nuovo Decreto Covid.

Cambiano i parametri di valutazione degli indici di contagio, scongiurando così il passaggio delle regioni da zona bianca a gialla (o peggio in arancione). I nuovi indicatori faranno riferimento in primis ai ricoveri negli ospedali per Covid e all'occupazione delle terapie intensive. La soglia per il passaggio in zona gialla viene fissata al 10% di occupazione delle terapie intensive e al 15% per i ricoveri in ospedale. Constestualmente è stato prorogato al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza.

Dal 6 agosto servirà il green pass per consumare al chiuso nei bar (ma non serve per le consumazioni al bancone) e nei ristoranti, per andare in palestra, in piscina, nei centri sportivi al chiuso, nei centri benessere, al cinema, a teatro, ai musei, alle competizioni sportive, ai concerti, per entrare allo stadio, alle fiere, ai parchi tematici e di divertimento. Il green pass servirà anche per i centi sociali e ricreativi, per le sale da gioco, sale bingo e scommesse e per le procedure concorsuali. “La campagna vaccinale ha permesso all’economia di riprendersi -ha sottolineato il premier Mario Draghi- e il green pass non è un arbitrio, è una condizione per tenere aperte le attività economiche”.

Restano per ora chiuse le discoteche, troppo rischiose per il proliferare del virus anche per chi è in possesso del green pass.

Continua la lettura su Vivere Italia

Fonte: Vivere Italia


Autore: 
Giulia Mancinelli

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported


Articolo tratto interamente da Vivere Italia 


12 commenti:

  1. Io sono a posto, ho fatto le mie due dosi di A.Z., l'ultima dose martedì scorso. Ci devo ancora pensare bene ma credo che sia giusto il green pass, per evitare che i contagi salgano ancora. Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Green Pass sono una limitazione di libertà, ci vogliono risposte scientifiche alla pandemia, non politiche.

      Elimina
  2. Sono felice di questo provvedimento. Io l'avrei esteso anche ai locali all'aperto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo studi scientifici, il virus gira di meno all'aria aperta, come l'influnza stagionale.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Non sono le risposte giuste alla pandemia, ci vogliono cure.

      Elimina
  4. Sento puzza di dittatura vaccinale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno deve sentirsi libero se vaccinarci oppure no, ai miei figli ho fatto fare anche i vaccini facoltativi per la meningite e altre malattie, ma su questo vaccino ho dei dubbi e attendo risposte scientifiche.

      Elimina
  5. Mi piace, complimenti al governo.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Cioè a Pasqua possibilità di spostarsi all'estero nonostante la situazione sanitaria che c'era, e adesso?

    I lockdown e soprattutto i coprifuochi imposti quando avevo un ritaglio di tempo per fare un minimo di vita sociale, mi hanno fatto passare la voglia di svolgere quelle poche attività che facevo e che ora richiedono il green pass.
    Per cui Draghi il mio green pass se lo può infilare...

    Questa via può risolvere la pandemia da covid-19, ma finché non chiuderanno allevamenti intensivi e mercati di animali selvatici vivi e in condizioni prive di igiene, e non smetteremo di disboscare costringendo animali già portatori di virus a convivere nello stesso habitat, di altre pandemie ne verranno a breve, anche perché ora ci si sposta facilmente e per trasportare un virus basta un volo aereo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco nel tuo commento ci sono alcune soluzioni, ci vogliono cure contro questo virus, se non si cambia registro ci saranno pandemie peggiori.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.