sabato 2 novembre 2013

Commenti liberi sulla privacy

Gagged by Privacy


Visto le notizie degli ultimi mesi, vorrei conoscere la vostra opinione su questo delicato tema.

Non pongo domande, ma attendo una vostra libera opinione.

Poiché il tema interessa tutti, lascerò questo post per tutto il fine settimana e mi raccomando d'invitare anche i vostri amici a lasciare un’opinione.

Photo credit Tom Murphy (Own work) [CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons




25 commenti:

  1. Caro cavaliere fai sempre dei post così interessanti!
    Comunque, alla luce di quanto successo di recente, penso che la parola privacy e ciò che essa significa non esista più... xke in nome di una "sicurezza" che non si sa bene cosa sia, tutti si sentono autorizzati a spiare tutti. Per me la privacy, intesa come rispetto altrui, è e resta sacra, ma mi rendo conto che pochi la pensano come me, e nn certo i potenti... avanti di questo passo, e verranno inventate macchine che ruberanno anche i nostri pensieri, sempre che già non esistano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presto Facebook includerà anche un software per capire gli spostamenti della mano sul mouse.

      Elimina
  2. La privacy innanzitutto, non si può concepire una rete invadente che cerca di scoprire tutto dei suoi utenti e che vuole tenerli sotto controllo.
    D'altra parte, al di là del web, tutto il sistema è troppo invadente: sembra di vivere in una guerra fredda che non è mai finita.
    Io sono per la privacy a tutti i costi.
    Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  3. Scusa Cavaliere, io questo tuo post non l'avevo proprio visto, non so se per mia disattenzione o a causa di soventi manchevolezze del mio blog.
    Non ho capito di quale privacy parli. Se è quella degli Stati che si spiano a vicenda, non mi ha fatto effetto venirlo a sapere, perchè lo spionaggio è sempre esistito, anche in tempi di pace.
    Personalmente non andrei mai a curiosare negli affari degli altri e posso anche capire un certo disagio da parte di chi può sentirsi spiato, ma
    per quanto riguarda la mia privacy, la faccenda non mi tocca, e non mi mette in ansia : non ho niente da nascondere, che facciano quello che vogliono, basta che mi lascino la libertà di opinione e di voto,
    Se ho frainteso me ne scuso.
    Ti saluto caramente.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la nostra libertà è sempre limitata e il futuro non promette nulla di buono.

      Elimina
  4. Per quel che mi riguarda, sono consapevole che usando fb e il blog, la privacy è andata a farsi benedire. Sono convinta che l'uso del web ci abbia privato di ogni diritto. ll mouse che traccia ogni pagina sul web mi mette i brividi.
    Purtroppo è così.
    Ciao Cavaliere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che il web è una forma di democrazia più avanzata, ma ai politici non piace.

      Elimina
  5. La privacy non esiste più da quando è nato il telefono ed i suoi figli: il cellulare e tutte le sue evoluzioni e internet.
    Sono del parere che se non hai nulla da nascondere che si facciano pure i catti miei, la cosa importante è che io non mi faccia quelli degli altri.
    La privacy ha i suoi pro ed i suoi contro. Ti permette di essere tutelato sul posto di lavoro ma, se hai cose da nascondere, la privacy viene violata; se ti succede un incidente vorresti che almeno una telecamera che non si fa i fatti suoi, ti avesse immortalato durante quei momenti.
    Se navighi in internet, ogni cosa che scrivi, ogni tasto che digiti viene da qualche parte memorizzato, dalle cose belle alle brutte. Se non si potesse violare la privacy i pedofili avrebbero la vita molto più facile di quanto non l'abbiano ora.
    Certo che ognuno di noi vorrebbe che la propria privacy fosse tutelata, ma questo solo fino al momento in cui non ne hai bisogno.
    Diceva Gaber: la libertà di un uomo finisce quando inizia quello di qualcun altro. Ed è vero anche il contrario: la mia libertà inizia quando finisce quella di qualcun altro.
    La privacy è un argomento della stessa medaglia. Va comunque sempre difesa.
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni cosa ha i suoi rovesci, ma la vita privata non si può barattare.

      Elimina
    2. Ogni volta che esci di casa, dalle tue mura, dal luogo dove pensi di essere al sicuro, ricordati che c'è qualcuno ad alcuni chilometri sopra la tua testa che ti guarda e... non è dio, ma si fregia dello stesso diritto.

      Elimina
  6. Caro Cavaliere
    l'argomento non è facile.
    Certo condanno l'invadenza del potere nella vita personale dei cittadini, soprattutto quando è occulta e subdola e finalizzata a controllare, condizionare e indirizzare nelle scelte. Anche per questo non mi ispirano molto i "mi piace" o "non mi piace" dei social network.
    Però sono anche insofferente al cavalcare del tema della riservatezza fatto da certi politici per non dover dare conto delle proprie nefandezze. Chi occupa un ruolo pubblico ha secondo me meno diritto a trincerarsi dietro alla privacy.
    E anche non posso non osservare che a volte, nel vivere quotidiano, si usa la parola privacy come per dire "io mi faccio i fatti miei" denotando insensibilità e disinteresse per gli altri.
    Dunque lo vedo come un tema che ha tante sfaccettature e tanti significati che andrebbero esplorati ed approfonditi uno per uno...
    Sappi che ti leggo sempre (anche se non sempre lascio un commento) e ti apprezzo sinceramente, per l'opera culturale e di divulgazione che fai instancabilmente. Grazie!
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questo mondo esiste una giustizia a due vie: dura con la maggioranza e debole con i potenti.

      Elimina
    2. Sono gli stessi potenti che giudicano la maggioranza ed è la maggioranza che li ha messi lì dove sono.
      Purtroppo la minoranza di cui facciamo parte, si trova indifesa.

      Elimina
  7. Non sono preoccupato per la privacy, sono molto più preoccupato per i tanti bavagli che hanno cercato di mettere, un po' da tutte le parti dell'universo, a questo mondo virtuale dove la libertà ha le iniziali maiuscole.
    Vuoi che , in futuro, non ci mettano quantomeno una tassa?

    RispondiElimina
  8. Io personalmente non ho nulla da nascondere e poi sono una pensionata,non produco più e perciò a nessuno interessa più ciò che faccio e scrivo.
    La privacy,ma quando mai c'è stata!
    Salutoni Cavaliere a prestoooo.OLGA

    RispondiElimina
  9. Personalmente mi infastidisce questo spionaggio costante che ultimamente ha raggiunto livelli incredibili. Poi ripensandoci mi dico che è necessario: troppi furbacchioni, ladri, evasori, esaltati... un rimedio che non è per fortuna ancora diventato peggiore del male, o lo è già?

    RispondiElimina
  10. A mio avviso , quando si apre un profilo pubblico la privacy non è contemplata .
    Ogni movimento effettuato nel web attraverso i vari canali collegati fra loro è una vetrina pubblica sui nostri movimenti. Facebook primo fra tutti. Anche se non lo vogliamo sappiamo ogni movimento dei nostri contatti e viceversa loro di noi ...grazie per l'opportunità Cavaliere...

    niki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I social network sono il top della violazione della privacy.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.