venerdì 26 febbraio 2021

La lotta di Samir continua

Samir Flores (frame de video) 01


Articolo da Re:Common

Samir Flores Soberanes era un contadino, un fabbro, un insegnante, un padre e uno zapatista. Il suo attivismo in opposizione al Proyecto Integral Morelos gli è costato la morte, avvenuta giusto due anni fa, alcuni giorni dopo una sua dichiarazione pubblica in cui faceva i nomi delle imprese coinvolte nel mega-progetto infrastrutturale.

Un’opera gigantesca, altamente energivora e inquinante composta da un gasdotto, una centrale a gas e una serie di parchi industriali che stravolgeranno le radici contadine dell’area, nello stato del Morelos, estraendo risorse e restituendo danni ambientali e danni alla salute, oltre che alterare i delicati equilibri comunitari.

Lo stato di Morelos è la terra natale di Emiliano Zapata e il legame tra l’esperienza del primo zapatismo e le lotte contadine per la terra rappresentavano una memoria viva nelle giornate dell’attivista messicano.

Nel 2013 Samir fondò Radio Amiltzinko, l’arma più efficace che ha unito nel corso degli anni le lotte contro il Proyecto Integral Morelos. Da una piccola comunità, quella di Amilchingo, la resistenza all’opera si è diffusa a macchia d’olio a tutto lo stato di Morelos e ai confinanti Puebla e Tlaxcala, toccati dalla mega-infrastruttura. In realtà l’opposizione ormai non è più solo al singolo progetto, ma all’intero sistema estrattivista. Un lotta diventata simbolo e ispirazione in Messico come in Europa.

Il Proyecto Integral Morelos, fortemente voluto dal governo messicano, è stato promosso dalle imprese spagnole Abengoa, Elecnor ed Enagas e dall’italiana Bonatti, responsabile dei “rapporti con le comunità” e incaricata della costruzione del gasdotto Tula-Tuxpan.

Continua la lettura su Re:Common

Fonte: Re:Common


Autore: 
Filippo Taglieri


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.


Articolo tratto interamente da Re:Common

Photo credit Los Tejemedios, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons


10 commenti:

  1. Almeno, non è morto invano perchè la sua opera di resistenza ha dato i suoi frutti. Saluti.

    RispondiElimina
  2. Un sereno e felice fine settimana.

    RispondiElimina
  3. è una storia che ahimè si ripete in continuazione.

    RispondiElimina
  4. E' triste sapere che ci sia voluta la morte di Samir per arrivare a questo risultato. Almeno qualcuno ha preso il suo posto nella lotta contro le ingiustizie e gli inquinamenti delle ricche compagnie petrolifere & C. Speriamo che sia un risultato duraturo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In varie parti del mondo, si lotta per salvaguardare la natura.

      Elimina
  5. Un personaggio di cui ho sentito nominare spesso e di cui non conoscevo quasi nulla. Grazie a te ne so qualcosa in più. Buona serata.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.