martedì 15 ottobre 2019

Whirpool: chiude lo stabilimento di Napoli dal 1° novembre


Articolo da Radio Onda d’Urto

Vicenda Whirlpool Napoli. “Non è stato fatto un passo avanti nella direzione auspicata dal governo nel dialogo con i vertici italiani di Whirlpool, che confermano il piano”. Così il presidente del consiglio Giuseppe Conte, che questa mattina, martedì 15 ottobre, assieme al ministro Patuanelli ha incontrato a Palazzo Chigi i vertici dell’azienda Usa.

La multinazionale degli elettrodomestici ha confermato la cessione di ramo d’azienda di Napoli, mettendo a rischio 430 posti di lavoro, più l’indotto. Davanti al governo, Whirlpool ribadisce la volontà di cedere Napoli, senza alcuna alternativa reale sul tappeto.

I confederali hanno dichiarato due ore di sciopero su ogni turno contro la “totale chiusura e l’indisponibilità di Whirlpool a cercare soluzioni coerenti con l’accordo mette di fatto a rischio la tenuta del piano industriale e il futuro di oltre 5 mila lavoratori in tutta Italia”.


A dirlo è la segretaria generale della Fiom Cgil Francesca Re David, annunciando che “nelle prossime ore saranno valutate le iniziative di mobilitazione in risposta a questo ulteriore atto unilaterale dell’azienda. Da subito vengono dichiarate unitariamente due ore di sciopero alla fine di tutti i turni in tutti gli stabilimenti del gruppo”.

Continua la lettura su Radio Onda d’Urto 

Intervento audio su Radio Onda d’Urto 


Fonte: Radio Onda d’Urto 

Autore: redazione Radio Onda d’Urto

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.


Articolo tratto interamente da Radio Onda d’Urto 


8 commenti:

  1. Caro Vincenza, lo sai che questa notizia la aspettavo, certo che non è giusto!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Mi spiace molto, sono altre persone senza un lavoro e senza un futuro. Saluti.

    RispondiElimina
  3. È una vergogna che queste multinazionali possano fare quello che vogliono senza pagarne le conseguenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amano solo fare profitti sulle spalle della povera gente.

      Elimina
  4. Ho letto questa notizia un paio di giorni fa e ne sono rimasta mortificata.
    Purtroppo, come vedi, non è un caso isolato.
    Dove andremo a finire? :(

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.