martedì 24 luglio 2018

Emergenza incendi in Grecia: tante vittime e feriti


Articolo da La Stampa

Gli incendi nelle grandi pinete attorno ad Atene non si fermano e le conseguenze sono sempre più tragiche. Sono oltre 60 finora i morti e più di 150 i feriti accertati nei roghi che stanno devastando l’Attica. Molte delle vittime sarebbero bambini, intrappolati nelle loro case. Si tratta di un bilancio ancora provvisorio, mentre le fiamme continuano a bruciare senza che i pompieri riescano a domarle. E nuovi incendi sono divampati nella notte in altre regioni della Grecia. Il maggior numero di vittime si conta nei dintorni della località balneare di Mati, a 40 chilometri a Nord-est di Atene. Il premier Alexis Tsipras ha avanzato l’ipotesi che si tratti di incendi di natura dolosa. 

La maggioranze delle vittime è stata ritrovata senza vita in casa o nell’auto, nel resort di Mati a circa 40 chilometri da Atene. Lo ha precisato Dimitris Tzanakopoulos, portavoce del governo greco, segnalando che tra i feriti, compresi 16 bimbi, 11 sono in gravi condizioni. Il bilancio di era di 24 morti fino alla scorsa notte, poi è salito a 50 dopo il ritrovamento di 26 corpi senza vita all’interno di una villa a Mati. Mentre cinque persone che si erano gettate in mare per sfuggire agli incendi che li avevano circondati nei pressi di Rafina, sono state salvate da una nave traghetto.

Gli aiuti internazionali  

La Grecia ha chiesto l’aiuto internazionale per la capitale, che vede dozzine di case distrutte e cittadini e turisti fuggire verso le spiagge per essere soccorsi da imbarcazioni via mare.


Sono in arrivo soccorsi da Cipro e dalla Spagna dopo la richiesta di aiuto lanciata dal governo di Alexis Tsipras all’Ue. Lo annuncia su Twitter il commissario europeo agli aiuti umanitari, Christos Stylianides, precisando che si tratta di una squadra di 64 pompieri e paramedici, due camion dei vigili del fuoco e due Canadair.

Continua la lettura su La Stampa


Fonte: La Stampa



Autore: redazione La Stampa


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articolo tratto interamente da 
La Stampa



14 commenti:

  1. I dati si fanno ogni ora più agghiaccianti.
    È tutto molto spaventoso.

    RispondiElimina
  2. MI spiace molto, sono tornata da poco dalla Grecia, una terra che amo molto e che mi ha sempre accolta con ospitalità. Un saluto

    RispondiElimina
  3. Un paese già profondamente provato...

    RispondiElimina
  4. Ho appena ascoltato gli aggiornamenti, il conteggio delle vittime è in continuo aumento...molte erano persone in vacanza...immagino la disperazione dei parenti e lo spavento dei superstiti, che tragedia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il bilancio è sempre più tragico.

      Elimina
  5. Un dolore straziante aggravato dal sapere che si tratta di incendio doloso

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.