mercoledì 23 giugno 2021

Il Vaticano chiede di modificare il ddl Zan



Articolo da Wired

Per la Santa sede la legge ridurrebbe la libertà di pensiero assicurata dal Concordato che ha rivisto i Patti lateranensi nel 1984

Il Vaticano ha chiesto formalmente al governo italiano di fermare l’approvazione del cosiddetto ddl Zan, il  disegno di legge proposto dal deputato del Partito democratico Alessandro Zan per il contrasto all’omolesbobitransfobia, alla misoginia e all’abilismo, ossia, rispettivamente, gli atteggiamenti discriminatori verso la comunità lgbt+, le donne e le persone con disabilità. Per la prima volta, la Santa sede è intervenuta pubblicamente nell’iter di approvazione di una legge italiana, incaricando il Segretario per i rapporti con gli stati, Paul Richard Gallagher, di inviare una nota al governo. Per il Vaticano il testo del disegno di legge, già approvato alla Camera, deve essere modificato, perché attenterebbe alla “libertà di pensiero” della comunità dei cattolici.

Nella nota, consegnata al primo consigliere dell’ambasciata italiana presso la Santa sede, il Vaticano ha sostenuto che il ddl Zan ridurrebbe “la libertà garantita alla Chiesa Cattolica dall’articolo 2, commi 1 e 3 dell’accordo di revisione del Concordato. I due commi dei Patti Lateranensi, modificati nel 1984 con l’Accordo di Villa Madama, assicurano alla Chiesa “libertà di organizzazione, di pubblico esercizio di culto” e garantiscono “ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni la piena libertà di riunione e manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

Il testo attacca quindi l’articolo 7 del disegno di legge che istituisce per il 17 maggio la giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia (lo stesso giorno in cui è già in vigore quella internazionale), per promuovere la cultura del rispetto e dell’inclusione e contrastare pregiudizi e violenze, perché non esenterebbe le scuole private cattoliche dall’organizzare attività per questa giornata.

Continua la lettura su Wired

Fonte: Wired

Autore: 
Kevin Carboni

Licenza:Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported

Articolo tratto interamente da Wired


14 commenti:

  1. In uni Stato definito laico, tutto questo è aberrante.

    RispondiElimina
  2. Allora stracciamoli i Patti Lateranensi una buona volta.
    E il Vaticano se ne vada fuori dal territorio italiano, per esempio nella Striscia di Gaza a predicare la pace come da decenni fa a distanza.

    RispondiElimina
  3. Pagassero l'ICI. Come da Concordato. Poi se ne può parlare. Forse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiediamo ai nostri politi, perché continuano a non pagarla.

      Elimina
  4. ricordare a questa gente che sono ospiti...

    RispondiElimina
  5. La Chiesa insiste nel farsi del male.
    Le preferenze sessuali sono scelte dettate dalla propria natura.
    Non c'è nessuna colpa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno deve sentirsi libero d'amare e avere gli stessi diritti.

      Elimina
  6. Vorrebbero continuare ad essere pedofili, omofobi e razzisti. Almeno all'interno dei loro circolino privati. Un'ingerenza, quella della Chiesa, senza precedenti nella storia recente.

    RispondiElimina
  7. Da che pulpito!!! "La libertà di pensiero" tanta sbandierata dalla Chiesa, non calpesta la libertà di genere di ogni singolo individuo? Ognuno dovrebbe essere libero di pensarla come vuole, ma questo non deve essere un danno per gli altri... Ogni singolo individuo è unico e per questo rispettato per ciò che è o ha scelto di essere, sempre!
    Buon sabato, Stefania

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.