domenica 21 ottobre 2012

La favola del colibrì



Durante un incendio nella foresta, mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare?” gli chiese il leone. “Vado a spegnere l’incendio!” rispose il piccolo volatile. “Con una goccia d’acqua?” disse il leone con un sogghigno di derisione. Ed il colibrì, proseguendo il volo, rispose: “Io faccio la mia parte!”

Favola africana


Ognuno di noi può far qualcosa per cambiare il mondo e dire basta all'ipocrisia di quello attuale.

5 commenti:

  1. Davvero, ognuno di noi ha la possibilità di fare la sua parte, basterebbe metterci un po' si impegno, di voler vivere un po' meno tranquilli pensando non solo al proprio bene ma a quello di tutti.
    Ciao, buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina
  2. Cito da Gramsci ( Odio gl'indifferenti)
    "L'indifferenza è vigliaccheria...perciò odio chi non parteggia."
    Bisogna schierarsi e fare la nostra parte, come il colibrì.
    Marilena

    RispondiElimina
  3. Che bell'insegnamento dal colibrì!

    RispondiElimina
  4. Favola bellissima, sarebbe bello fosse raccontata anche nelle scuole, a instillare nei ragazzi lo spirito di partecipazione alla vita comune, ma soprattutto al bene comune.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Ci fossero milioni di colibrì uomini...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.