sabato 2 gennaio 2016

Le migrazioni ambientali



Articolo da Global Voices

Questo articolo, scritto da Jason Margolis per The Worldapparso su PRI.org il 9 dicembre scorso, viene ripubblicato qui nell'ambito di un accordo di condivisione di contenuti.

Si calcola che nel mondo siano circa 26 milioni le persone costrette a trasferirsi altrove a seguito di una catastrofe naturale. Quasi una persona ogni secondo. Tre volte il numero di profughi a seguito di guerre o violenze. E, anche se gli scienziati non possono stabilire un legame diretto tra un evento specifico (come un uragano) e i cambiamenti climatici, sappiamo che gran parte delle catastrofi naturali sono ricollegabili alle particolari condizioni climatiche che stiamo vivendo.


Listen to this story on PRI.org »


I cambiamenti climatici avranno gravi conseguenze non solo per chi vive alle Isole Marshall o in altri Stati insulari nel mezzo dell'oceano. Nel Sud-est asiatico e in Asia meridionale, milioni di persone vivono a pochi metri sul livello del mare, in zone ad alto rischio a causa dell'innalzamento degli oceani. È il caso, ad esempio, di Bangladesh, Vietnam, Cambogia o Thailandia, che in futuro potrebbero assistere a spostamenti massicci di popolazioni. In Bangladesh, a ben vedere, quel momento è già arrivato.

Secondo François Gemenne, professore in diverse università europee e studioso di geopolitica ambientale, gran parte dei cosiddetti rifugiati climatici si sposta nell'entroterra e copre distanze piuttosto brevi. Come spesso accade, sono proprio i più vulnerabili, cioè i più poveri, a non potersi spostare, semplicemente perché migrare sarebbe troppo costoso.

“Di fronte a una catastrofe, la gente spesso non sa cosa fare, per cui cerca di sopportare e resistere ai cambiamenti, per quanto possibile. Quando, però, i cambiamenti diventano così gravi, così rapidi e così frequenti come quelli a cui assistiamo oggi, arriva un punto in cui diventano impossibili da sopportare,” sottolinea Gemenne. “Lo schema è sempre lo stesso: le persone stringono i denti e cercano di tirare avanti, ma poi, quando la misura è colma, decidono di emigrare.”

Continua la lettura su Global Voices

Fonte: Global Voices


Autore: scritto da 
Public Radio International tradotto da Donatella Marinelli


Licenza: Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 Unported License.


Articolo tratto interamente da 
Global Voices



1 commento:

  1. Caro Vincenzo, per me non mi preoccupo!!!
    Ma penso alle generazioni del futuro che mondo troveranno!!! Tutto questo mi preoccupa molto.
    Tomaso

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.