giovedì 6 gennaio 2011

Terremoto dell'Aquila del 2009;io non dimentico e voi ?

Il 6 aprile 2009 alle ore 3:32,un devastante terremoto in Abruzzo porta morte,dolore e distruzione.Dopo quasi 2 anni da quella maledetta notte;la condizione in questa zona del nostro Paese è veramente tragica.Ci sono situazioni , drammatiche ed un centro storico ;che ancora allo stato attuale è immerso nelle macerie.Come si fa a ricostruire,se non si parte dal cuore della città?Sembra di assistere ad un film già visto ,sedotti ed abbandonati dalle solite chiacchiere della nostra politica.Sul web gira la realtà dei fatti e non bisogna credere alla favola che tutto proceda bene.Bisogna restituire la dignità al popolo abruzzese;visto che il loro dolore nessuno può mai cancellarlo.Io non ho dimenticato quella notte;tutte le promesse di ricostruzione e di far tornare in meno tempo possibile tutto alla normalità.Come non dimentico l'accoglienza fatta ai terremotati a Roma,solo perché volevano qualcuno che ascoltasse la propria voce.Vorrei fare un reportage sulla situazione attuale in Abruzzo;ma chiedo l'aiuto di altri blogger,soprattutto a chi vive in Abruzzo e può documentare anche visivamente la situazione.Infatti creando vari post,da far girare in condivisione nei nostri blog,manteniamo viva la situazione;sperando in un iter più celere.Intanto,vi lascio un video proveniente da Youreporter.it;risalente al Natale .


Credit video BarOne caricato su Youreporter.it

10 commenti:

  1. Eh, si è un po' tutti con la memoria a breve termine. bene è rinfrescarla ogni tanto.

    RispondiElimina
  2. Io abito vicino all'Aquila e quella notte il terremoto l'ho sentito ed ogni volta che vado all'Aquila lo vedo con i miei occhi che non è come vogliono far credere......Elisa

    RispondiElimina
  3. @Sandra
    Anche se i mass media tradizionali vogliono farci credere alle favole;noi guardiamo la realtà dei fatti
    @ely
    Grazie della tua testimonianza reale

    RispondiElimina
  4. anche io ricordo bene,quella sera ero in chat con dei ragazzi di napoli(si e' sentito fino li),improvvisamente si sono scollegati,poi mi hanno detto che c'era stata una scossa di terremoto ma niente di grave......la mattina succesiva quando mi sono alzata ed ho acceso la tv avevo davanti una vera e propria tragedia.....non potrò mai dimenticarla..
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, non se ne parla più tanto. Avevo anch'io curiosità di sapere a che punto fosse la ricostruzione.

    RispondiElimina
  6. ciao, hai perfettamente ragione. In questo paese, grazie ai media, si dimeticano in fretta le cose. Le presone tutti i giorni corrono e pensano al quotidiano, ma le istituzioni, dovrebbero servire il loro popolo e fare informazione attraverso una stampa ufficiale invece fanno solamente propaganda politica.Sono andati tutti a farsi vedere quanto "bravi" e quanto falsi sono all'Aquila. Mi associo al progetto di diffusione.

    NON DOBBIAMO DIMENTICARE!!

    grazie

    ciao
    recupero del materiale e ci sentiamo.

    ciao

    RispondiElimina
  7. E chi può dimenticare quei giorni? Furono terribili,ho anche amici lì..ricordo che non dormii per giorni..è una sensazione che non si può descrivere..hai il cuore in gola,ti senti estraneo a te stesso..per fortuna per i miei amici andò bene per tanti altri innocenti no.Hai fatto bene Cavaliere a voler ricordare questa tremenda tragedia,credo che la porteremo nel cuore per sempre.Un abbraccio,buon fine settimana.

    RispondiElimina
  8. E come si può dimenticare? E' uno sconcio che ancora oggi gli Aquilani non possano rientrare nelle loro case, e non scordiamoci dei paesi e delle frazioni intorno, dove la situazione è ancora peggiore!
    In Abruzzo ci sono stato 13 mesi, militare di leva...e ne ho un ricordo stupendo!
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  9. Lo ricordo eccome!! Sono stata sul posto per la "ricostruzione" e credimi... ho ancora i brividi
    Un abbraccio

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.