mercoledì 26 gennaio 2011

La farfalla di Pavel Friedman

La farfalla

L'ultima, proprio l'ultima,
di un giallo così intenso, così
assolutamente giallo,
come una lacrima di sole quando cade
sopra una roccia bianca
così gialla, così gialla!
L'ultima
volava in alto leggera,
aleggiava sicura
per baciare il suo ultimo mondo.
Tra qualche giorno
sarà già la mia settima settimana
di ghetto: i miei mi hanno ritrovato qui
e qui mi chiamano i fiori di ruta
e il bianco candeliere del castagno
nel cortile.
Ma qui non ho visto nessuna farfalla.
Quella dell'altra volta fu l'ultima:
le farfalle non vivono nel ghetto.

Pavel Friedman

Note sull'autore:
Pavel Friedman è nato a Praga il 7 gennaio 1921. Fu prima deportato a Terezin (era un ghetto ebraico) e poi trasferito nel campo di sterminio di Auschwitz, dove trovo la morte il 29 settembre 1944.

15 commenti:

  1. bellissima poesia,legata a pagine di vita.
    Buona giornata
    lu

    RispondiElimina
  2. Bellissimo testo,sempre più attuale..:)

    RispondiElimina
  3. Grande poesia per il giorno della memoria!
    Ciao Cavaliere e grazie.
    Lara

    RispondiElimina
  4. Questi versi delicatissimi, più di tutto, più di qualsiasi altra parola, sanno illuminare il ricordo angosciante di un tempo che non va dimenticato. Leggere questa lirica e pensare a quello che stava vivendo chi l'ha scritta è una stilettata al cuore. Ma ben venga ricordare.

    RispondiElimina
  5. Mi colpisce molto questo ricorrente riferimento a una farfalla, vista come simbolo di leggerezza e libertà, nelle brutture della guerra e della disperazione.
    E mi viene in mente il volo della farfalla sulla trincea in "Niente di nuovo sul fronte occidentale" di Remarque.
    Ed anche il poeta Tonino Guerra, che nella sua poesia "La farfalla" ricorda il momento in cui, liberato da un lager nazista, ha finalmente potuto guardare una farfalla senza provare la voglia di mangiarla.

    RispondiElimina
  6. Buonasera...bellissima poesia.
    Ma ciò che adoro sono le farfalle.
    Serena serata.

    RispondiElimina
  7. ...è strano vedere la luce del sole in questo giallo colore fino all'ultimo, dove non c'è farfalla capace di fermarsi là dove c'è solo un atroce fine.

    Grazie Cavaliere è molto incisiva, forte e fa riflettere!

    RispondiElimina
  8. io penso che la farfalla nella sua leggerezza sia sinonimo di libertà.
    Forse è per questo che è così decantata in poesia....in questa poi...(mi intristisce)
    ciaooo cavaliere

    RispondiElimina
  9. Una poesia intensa.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. grandissima poesia!!
    ciao cavaliere ti auguro una serena giornata!!
    a presto!

    RispondiElimina
  11. Stupenda e toccante!!!
    Non la conoscevo... grazie per averla proposta.
    Anch'essa una pagina di storia che ricorda le terribili atrocità subite da un popolo innocente.

    RispondiElimina
  12. l'ultima frase è una condanna, terribile.

    RispondiElimina
  13. Meravigliosa poesia,credo che tu abbia fatto la scelta migliore,in occasione di questa particolare giornata.Un abbraccio Cavaliere,grazie.

    RispondiElimina
  14. Commovente...non l'avevo mai letta.

    RispondiElimina
  15. Che bei versi!! Questo argomento mi tocca tantissimo...e questa poesia è così delicata tanto da riuscire a trasmettere il dolore e le sofferenze senza parlarne, ma lasciandole trapelare attraverso il volo di una farfalla!!
    Mi commuove!!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.