domenica 8 luglio 2018

È morto il regista Carlo Vanzina


Articolo da FilmPost

Amato e odiato in egual misura, autore con il fratello Enrico di commedie tra le più note degli ultimi trent’anni, Carlo Vanzina è morto all’età di 67 anni. Figlio del leggendario Steno, ha firmato alcuni tra i maggiori successi italiani dalla fine degli anni 70 in poi. Spesso considerato uno dei responsabili, accanto a Neri Parenti, della deriva del Cinema italiano verso una comicità sboccata, ha anche segnato un’epoca all’insegna della nostalgia.

Sapore di Mare” (1983) è ancora oggi considerato il suo migliore lavoro, commistione riuscita tra comicità pura e tenero rimpianto. Davanti alla sua macchina da presa hanno sfilato (e spesso debuttato) personaggi come Diego Abatantuono, Jerry Calà, Massimo Boldi, Christian De Sica, Paolo Villaggio.

Quarant’anni di Commedia all’Italiana


Nato a Roma il 13 marzo 1951, Carlo Vanzina fece una lunga gavetta grazie al mitico padre Steno. Si ritrovò ad imparare il mestiere da leggende del calibro di Mario Monicelli sul set de “L’Armata Brancaleone” (1966). Il fratello Enrico sarebbe diventato il suo inseparabile co-sceneggiatore, avendo già lavorato con il padre anche a film come “Febbre da Cavallo” (1976). Il primo film da regista di Carlo Vanzina fu “Luna di Miele in tre” (1976), interpretato da Renato Pozzetto. Fece approdare su grande schermo i Gatti di Vicolo Miracoli con “Arrivano i Gatti” (1980) e lanciò Diego Abatantuono con “I Fichissimi” (1981) ed “Eccezziunale…veramente” (1982).

Il primo grande successo fu “Sapore di Mare” (1983), ironico e malinconico ritratto di una generazione spensierata nell’Italia degli anni 60. Il film incassò dieci miliardi di lire e portò a Virna Lisi il David di Donatello come Miglior Attrice Non Protagonista. Nello stesso anno, con “Vacanze di Natale“, inaugurò quello che poi divenne la temuta ondata dei “Cinepanettoni”, film di poche pretese ma di enorme successo. Carlo Vanzina, negli anni, ha contribuito al filone sia come regista che come semplice sceneggiatore.

Continua la lettura su FilmPost


Fonte: FilmPost


Autore: Roberto Gallaurese

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.


Articolo tratto interamente da 
FilmPost.it



6 commenti:

  1. Per me, sempre stato un grande.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Alzi la mano chi non ha mai visto un suo film! Non ero un fans dei suoi film, ma delle volte quando non hai voglia di pensare…. Era però un ridere amaro, perché finivo per pensare che nella vita reale ci sono molte persone come quelle dei suoi film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che molti di noi fanno visto i suoi film.

      Elimina
  3. I suoi film hanno attraversato generazioni, mi dispiace tanto. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.