lunedì 18 aprile 2011

Ora e Sempre Resistenza di Piero Calamandrei


Ora e Sempre Resistenza

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ORA E SEMPRE
RESISTENZA

Piero Calamandrei

6 commenti:

  1. Eh, costui è stato un Grande. Il mio post del 25 aprile dello scorso anno parla proprio di lui. penso che lo "riprenderò" anche quest'anno.

    RispondiElimina
  2. bellissima poesia, adesso te la rubo e la metto nel mio blog!
    grazie!
    felice settimana cavaliere!

    RispondiElimina
  3. ABBIAMO FATTO UNO SPETTOCOLO QUESTA SCORSA ESTATE DOVE IO HO RACCONTATO IL PERCORSO FATTO PER RAGGIONGERE S.ANNA DI STAZZEMA,E NEL FINALE GLI ATTORI HANNO RECITATO PROPRIO QUESTO SCRITTO.
    Io sono vecchio e li ho visti i tedeschi, un rastrellamento e un innocente inpiccato per tre giorni a penzolare sulla statale. Quando li sento parlare anche ora mi vengono i brividi.

    RispondiElimina
  4. Una poesia splendida. Ottima scelta.

    Un bacione

    RispondiElimina
  5. La poesia è piena di coraggio e determinazione. Mi ha colpito il commento di maresco martini e capisco quando dice che gli vengono ancora i brividi. Deve essere stata un'esperienza terribile. Io sono nata con la guerra che quindi non mi ha lasciato nessun ricordo né bello né brutto. Naturalmente sentivo parlare di fascismo, dei tedeschi, di rastrellamenti ecc.. Ho studiato tedesco al liceo, conosco bene la Germania e adoro Goethe, Hermann Hesse, Thomas Mann e via dicendo. Personaggi che non hanno nulla a che vedere con le atrocità dell'ultima guerra e che sono invece l'altra faccia dell'anima tedesca. Per fortuna.

    RispondiElimina
  6. "Si adunarono per dignità e non per odio"...
    parole che sanno di verità e giustizia.
    Bel post Cavaliere. Sereno giorno a Te..a presto.
    Dandelìon

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.