giovedì 9 aprile 2015

Nuovo studio scopre un possibile collegamento tra fracking e aumento di radon


Nei mesi scorsi, alcuni studi hanno dimostrato correlazione tra alcuni terremoti e il fracking. In queste ore è arrivata un’altra ricerca che lancia, un altro allarme legato all'uso di questa tecnica.

Gli scienziati della Bloomberg School of Public Health Johns Hopkins hanno detto che i livelli di radon nelle case della Pennsylvania sono in aumento dal 2004, in concomitanza con la maggiore frequenza nel rilasciare permessi per la fratturazione idraulica alla ricerca di gas naturale.

Il radon è un elemento particolarmente cancerogeno, che provoca cancro ai polmoni e proprio in queste zone i casi sono aumentati.
Le persone che vivono in zone vicine ad attività di fracking, spesso si lamentano che la loro acqua di pozzo è contaminata. Le sostanze chimiche rilasciate dal processo di fratturazione sono tossiche e quindi pericolose.
Tra contaminazione delle acque sotterranee, i terremoti, e aumenti di gas radioattivo, sta diventando sempre più evidente quanto sia pericolosa questa tecnica.

2 commenti:

  1. Caro Vincenzo, queste notizie diventano allarmanti se tutto questo risultasse tutto vero, io dico la verità sento che questa notizia mi preoccupa!!!
    Buona notte caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. molto interessante peccato che la stampa non ne parli con la giusta importanza

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.