sabato 15 ottobre 2016

Pioggia d’autunno di Ada Negri


Pioggia d’autunno 

Vorrei, pioggia d’autunno, essere foglia
che s’imbeve di te sin nelle fibre
che l’uniscono al ramo, e il ramo al tronco,
e il tronco al suolo; e tu dentro le vene
passi, e ti spandi, e si gran sete plachi.
So che annunci l’inverno: che fra breve
quella foglia cadrà, fatta colore
della ruggine, e al fango andrà commista,
ma le radici nutrirà del tronco
per rispuntar dai rami a primavera.

Vorrei, pioggia d’autunno, esser foglia,
abbandonarmi al tuo scrosciare, certa
che non morrò, che non morrò, che solo
muterò volto sin che avrà la terra
le sue stagioni, e un albero avrà fronde.

Ada Negri


4 commenti:

  1. Belle veramente bella!!! Ti lascio un saluto caro Vincenzo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Grazie Vincenzo, molto bella e adatta a questa giornata autunnale.
    Buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Deliziosa! Vedrò di procurarmi le sue poesie, sono piuttosto curiosa (avevo letto la sua biografia su suggestione di altre liriche da te presentate ;) )
    Buona domenica ^^

    RispondiElimina
  4. Bellissima poesia in sintonia con la stagione che stiamo vivendo. Serena domenica, Grazia

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.