domenica 30 ottobre 2016

Ore 7,40: una fortissima scossa di terremoto sconvolge ancora il cuore dell'Italia


La terra ha tremato ancora nell’Italia centrale, stavolta con una violenza inaudita. Alle ore 7,40 di stamane, un sisma di magnitudo 6,5, ha risvegliato mezza Italia.

L’epicentro è stato individuato tra le province di Perugia, Macerata e Ascoli Piceno, a 5 km da Norcia, 7 km da Castelsantangelo sul Nera e 17 km da Arquata del Tronto. 

Al momento non si hanno notizie di vittime, ma si contano una ventina di feriti. I danni sono ingenti e a Norcia è crollata la basilica di San Benedetto, simbolo del paese e famosa in tutto il mondo.

La situazione in queste ore è altamente critica e inoltre ci sono numerose scosse di assestamento.


Il sisma di stamattina è stato il più forte dal 1980, dopo quello dell’Irpinia.


5 commenti:

  1. E' terribile, ricordo bene il terremoto dell'80, penso a tutte le persone che abitano quelle zone...che angoscia

    RispondiElimina
  2. Ciao Vincenzo.
    Sto seguendo ogni evento ed ora ho ascoltato un intervento in cui si è detto che il terremoto dell'Irpinia è stato di 6.9.
    Ho la sensazione che le scosse continueranno e che forse saranno di maggiore intensità. Ovviamente spero che non sia così e il mio pensiero in queste ore è con loro.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
  3. A suo tempo ho vissuto il terremoto del Friuli e non ti dico la paura che avevo per la mia famiglia. Mi metto nei panni degli abitanti dell'Italia centrale dopo tre consecutivi terremoti. Sono con loro e spero che le organizzazioni internazionali comincino a muoversi per non lasciare l'Italia da sola anche in questo caso come per i rifugiati che arrivano a migliaia sulle nostre coste. Ciao Vincenzo.

    RispondiElimina
  4. Sempre la stessa rabbia. Sempre davanti ad un sistema ottuso.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.