venerdì 7 ottobre 2016

Le prime stelle di Rainer Maria Rilke


Le prime stelle 

Ardono i vetri su la casa muta.
Tutto il giardino è un olezzar di rose.
Alta distende su l'etere fermo,
tra i larghi abissi delle nubi bianche,
l'ali, la Sera.

Una squilla si versa su le aiuole,
limpida voce di celesti mondi.
Furtiva, su le pallide betulle
colme di sussurrii, veggo la Notte
che accende lenta nello scialbo azzurro
le prime stelle.


Rainer Maria Rilke 


6 commenti:

  1. Una bella poesia per il prossimo weekend mi ci voleva proprio, grazie

    RispondiElimina
  2. Incantevole ed eterea, un saluto Cavaliere del Web. Grazia

    RispondiElimina
  3. Grazie e—se vuoi—la scrittura in lingua

    RispondiElimina
  4. Sembra di essere lìcon lui ...i grandi servono anche a questo, a elevarci in alto, sulle stelle :)

    RispondiElimina
  5. Meravigliosa e delicata *__*
    Un buon fine settimana a te Cavaliere ^_^

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.