lunedì 4 maggio 2015

Blood Diamond - Diamanti di sangue: recensione del film

Hands ondiamonds 350

Blood Diamond - Diamanti di sangue (Blood Diamond) è un film del 2006 diretto da Edward Zwick.

Trama

Sierra Leone, 1999. Danny Archer, cinico mercenario originario della Rhodesia (l'attuale Zimbabwe) ed ex operatore del 32º Battaglione dell'Esercito sudafricano, si trova nel paese per condurre affari sul contrabbando di diamanti tra la Sierra Leone e la Liberia; frattanto il pescatore locale Solomon, il cui villaggio è stato attaccato dal RUF, viene separato dalla famiglia e deportato in un campo diamantifero per prigionieri controllato dal RUF, dove scopre un grande diamante rosa e riesce a nasconderlo subito prima che il governo attacchi il campo.

Finiti nella stessa prigione di Freetown, Danny viene a sapere del diamante da un ribelle che aveva visto Solomon con la pietra. Tornati liberi, Danny cerca di capire da Solomon la posizione del diamante, promettendogli in cambio di aiutarlo a ritrovare la sua famiglia. Nel frattempo, il RUF, alla ricerca della pietra, rapisce il figlio di Solomon, Dia, trasformandolo in un bambino soldato.

Insieme a Maddy, giornalista americana che intende svelare i loschi traffici delle multinazionali diamantifere, i due attraversano un paese devastato dalla guerra civile, dalla violenza e dalla povertà. Solomon infine riuscirà a trovare il figlio e a salvarlo dall'influenza che la RUF ha esercitato su di lui, grazie anche al sacrificio di Archer. Infine si trasferirà con la famiglia a Londra dove aiuterà Maddy a smascherare il traffico illegale di diamanti provenienti dai paesi in guerra.

Curiosità sul film

Il film ha ricevuto cinque nomination agli Oscar, tra cui quella per Leonardo Di Caprio come migliore attore e quella di Djimon Hounsou come migliore attore non protagonista.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Photo credit USAID Guinea. (USAID Guinea.) [Public domain], via Wikimedia Commons


1 commento:

  1. Molto bello questo film.drammatico e impressionante,e purtroppo vero!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.