giovedì 16 aprile 2015

La Whirlpool annuncia 1.350 esuberi in Italia

Indesit Headquarter

Articolo da Radio Onda d’Urto

1350 licenziamenti in tutta Italia: è il piano industriale presentato dalla Whirpool oggi ai sindacati e governo al Mise. 1.200 persone perderebbero il lavoro nelle fabbriche, mentre 150 nel centro di ricerca e sviluppo di None, in Piemonte. Per farlo si chiudono due stabilimenti: quello della Indesit, marchio acquistato dalla multinazionale USA, a Caserta, e quello di Albacina. Fortemente contrari sia i sindacati che il governo. Gli operai Indesit di Albacina, appresa la notizia, hanno bloccato la provinciale e la superstrada Ancona-Roma. Poco fa hanno tolto il blocco. Su questo stabilimento la dirigenza della multinazionale ha detto che non ci saranno licenziamenti, ma i lavoratori dovranno trasferirsi a Melano, a 8 km di distanza. Per la Fiom ”quello presentato è un piano che, se da un lato contiene scelte industriali importanti in termini di investimenti e volumi produttivi, con il rientro di produzioni attualmente fatte in Cina, in Turchia e in Polonia, dall’altro contiene la decisione di chiudere stabilimenti che non possiamo condividere”.

Continua la lettura su Radio Onda d’Urto


Fonte: Radio Onda d’Urto


Autore: redazione Radio Onda d’Urto


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.


Photo credit Roberta Shitta at it.wikipedia [Public domain or Copyrighted free use], via Wikimedia Commons


4 commenti:

  1. Non è tanto roseo l'avvenire per quella povera gente, caro Vincenzo.
    Ciao e buona notte caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. questi sarebbero gli investimenti del capitale estero

    RispondiElimina
  3. E la pirelli diventa cinese, italia svenduta a pezzi.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.