domenica 26 marzo 2017

Scoperto l’antico porto di Salamina



Articolo da Il Fatto Storico

Gli archeologi greci hanno trovato l’antico porto militare dell’isola di Salamina, teatro di una delle battaglie navali più grandi e decisive dell’antichità: la battaglia di Salamina del 480 a.C.

Il porto è stato identificato nella piccola e ben protetta baia di Ambelaki, nella parte orientale dell’isola, grazie alla ricerca archeologica di una squadra di 20 esperti provenienti da due istituzioni greche – l’Eforato per le Antichità Subacquee e l’Istituto Ellenico di Archeologia Marina.


«Questa è la prima ricognizione subacquea sistematica ad essere avviata da istituzioni greche in un ambiente marino gravemente inquinato, e tuttavia in una zona cruciale di importanza storica», si legge nel comunicato del ministero greco.

L’indagine ha individuato i resti di strutture portuali, fortificazioni e altri edifici risalenti al periodo classico (V – IV secolo a.C.) e al periodo ellenistico, su tutti i tre lati – nord, ovest e sud – della baia. Tali caratteristiche sono visibili solo a bassa marea in determinati periodi dell’anno.

Baia fortificata

«La parte fortificata nord-occidentale della baia è la prova principale dell’identificazione di quella speciale ‘area chiusa’ con la zona militare del porto di Salamina, certamente un territorio ateniese in epoca classica», ha dichiarato a Live Science Yannos Lolos, professore di archeologia presso l’Università di Ioannina e presidente dell’Istituto Ellenico di Archeologia Marina.

In effetti, la parte meridionale dell’area è protetta da un muro molto lungo, che si estende per circa 160 metri e finisce in una robusta torre rotonda simile a quelle trovate in altri porti fortificati. Un grande molo di pietra si estende per 50 metri lungo il lato est di questa “zona militare principale”. Altri resti sommersi sul lato sud includono frangiflutti, un molo lungo 40 metri e un muro lungo 30 metri con attaccata una sorta di torre a base quadrata. «Questi resti, integrati con le fonti storiche e letterarie, non lasciano dubbi circa il ruolo della baia come il principale punto di raduno della flotta greca in prossimità del teatro della battaglia navale negli stretti», ha detto Lolos.

Continua la lettura su Il Fatto Storico

Fonte: Il Fatto Storico

Autore: redazione Il Fatto Storico

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia


Articolo tratto interamente da
 Il Fatto Storico


6 commenti:

  1. Caro Vincenzo, è incredibile che si scoprono delle cose antiche addirittura
    480 a.C. un porto militare do quell'epoca, sono sorpreso!!!
    Ciao e buon inizio della settimana caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Scoperta interessantissima :O Non avevo letto nulla a riguardo, quindi grazie mille per l'articolo!

    RispondiElimina
  3. Oltre alle antichissime costruzioni vecchie di millenni, oggi come ieri si scoprono ancora ruderi risalenti ad antichissime civiltà. Chissà se resterà qualche cosa delle opere moderne fra qualche secolo o addirittura fra qualche millennio.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle nuove costruzioni qualche dubbio resta.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.