martedì 24 novembre 2015

Sotto accusa: recensione del film



Sotto accusa (The Accused) è un film drammatico diretto da Jonathan Kaplan.

Trama

Sarah Tobias, cameriera in un bar con una pessima reputazione, una sera viene violentata nel locale da tre ragazzi, tra l'incitamento generale degli avventori. Il procuratore Kathryn Murphy si occupa del caso, e accetta un patteggiamento per lesioni colpose (escludendo così lo stupro) per i tre aggressori. Spinta dalla vittima però, con la quale instaura pian piano un rapporto di solidarietà, si rende conto di aver condotto superficialmente il caso e decide di portare in tribunale anche tutti gli uomini che hanno istigato i tre alla violenza. La causa viene vinta e oltre a far mandare in prigione gli istigatori, ottiene il risultato di far aumentare la pena da scontare ai tre stupratori e la modifica dell'imputazione da lesioni colpose a violenza sessuale.

Curiosità sul film

Il film è ispirato ad un fatto autentico avvenuto in un bar di New Bedford, Massachusetts, nel 1983, di cui fu vittima la giovane Cheryl Araujo.

La mia opinione

Un film che purtroppo rispecchia tante realtà quotidiane, spesso taciute e non denunciate. Una grande interpretazione di Jodie Foster, che tra l'altro ha ottenuto l'Oscar come miglior attrice protagonista.

Voto: 7,5

Questo articolo è pubblicato nei termini della
GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


1 commento:

  1. uno dei primi film che affrontava, purtroppo, quello che è sempre stato taciuto...mi piacque moltissimo il film e l'interpretazione della Foster, anche se mi spaventò anche, era una finestra sul un mondo che non conoscevo.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.