lunedì 5 ottobre 2015

Sera d'ottobre di Giovanni Pascoli

 
Sera d'ottobre
 
Lungo la strada vedi su la siepe
ridere a mazzi le vermiglie bacche:
nei campi arati tornano al presepe
tarde le vacche.

Vien per la strada un povero che il lento
passo tra foglie stridule trascina:
nei campi intuona una fanciulla al vento:
fiore di spina...
 
Giovanni Pascoli
 
 

1 commento:

  1. Pascoli ha un linguaggio desueto, ma è sempre un grande poeta che commuove ed emoziona.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.