venerdì 2 ottobre 2015

Nonviolenza o barbarie


Articolo da Pressenza

Quando, nel 2007, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite istituì, nel giorno del compleanno di Gandhi, la Giornata internazionale della nonviolenza, le spese militari mondiali ammontavano a circa 1.400 miliardi di dollari e si contavano 29 guerre in corso.

Oggi, nel 2015, a fronte di 33 conflitti armati ufficiali, la spesa militare mondiale è di circa 1.800 miliardi di dollari: è come se ogni due anni si aggiungesse una nuova guerra a quelle già in corso – che intanto non si risolvono – che richiede nuove armi, e quindi nuovi costi, provoca ulteriori vittime, genera nuovo terrorismo, produce altri profughi in un esodo ormai incontenibile. Non è un caso se i ricercatori del Global Peace Index hanno calcolato il costo della violenza globale per il 2015 nel 13,4% della ricchezza mondiale prodotta. E sottratta alle risorse per la vita.

Di fronte alla tragica realtà di questi dati, che coinvolgono le vite di milioni di persone, la Giornata della nonviolenza rischia di diventare una ritualità retorica se non la si riempie di contenuti incisivi ed efficaci. Se non diventa l’occasione per ricordare – con Gandhi – che non è vero che “i mezzi in fin dei conti sono mezzi, ma i mezzi in fin dei conti sono tutto”, perché non è un destino ineludibile che i diversi conflitti che attraversano le genti si trasformino in guerre sanguinarie e crudeli, se solo se ne affrontassero le cause con mezzi e strumenti differenti dalla violenza. Si corre questo rischio se la Giornata della nonviolenza non diventa un’ulteriore, formidabile, occasione per costruire la pace attraverso la realizzazione e la diffusione di mezzi nonviolenti, che soppiantino definitivamente le armi e gli eserciti. A partire dal proprio impegno personale.

Continua la lettura su Pressenza


Fonte: Pressenza

Autore:                       

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Articolo tratto interamente da Pressenza


 

4 commenti:

  1. Credo che tutti noi, noi che ci frequentiamo qui sul web, siamo per la nonviolenza.

    RispondiElimina
  2. Ciao Vincenzo, secondo me la giornata della non violenza non avrebbe dovuto neanche essere creata. Alla fine della seconda guerra mondiale si era detto "Mai più !", ma in realtà subito dopo sono arrivate altre guerre in vari punti del pianeta ed ancora oggi si continua. Personalmente credo che non arriverò a vedere un clima di vera pace in tutto il mondo. Buona domenica.

    RispondiElimina
  3. Dovremmo imparare a nutrire "le radici". Una serena domenica.
    "Le radici della violenza: la ricchezza senza lavoro, il piacere senza coscienza, la conoscenza senza carattere, il commercio senza etica, la scienza senza umanità, il culto senza sacrificio, la politica senza principi."
    (Mahatma Gandhi)

    RispondiElimina
  4. A proposito di barbarie guarda il mio ultimo post che ho fatto. Non c'è limite alla crudeltà umana.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.