venerdì 26 giugno 2015

Nelle azzurre sere d’estate di Arthur Rimbaud


Nelle azzurre sere d’estate

Nelle azzurre sere d’estate, me ne andrò per i sentieri,
graffiato dagli steli, sfiorando l’erba nuova:
trasognato, ne sentirò la frescura sotto i piedi,
e lascerò che il vento mi bagni la testa nuda.
Non parlerò, non penserò a niente:
Ma l’amore infinito mi salirà nell’anima,
E andrò lontano, molto lontano, come uno zingaro.


Arthur Rimbaud

3 commenti:

  1. Niente da dire... Rimbaud è Rimbaud, un grande!

    RispondiElimina
  2. Arthur Rimbaud, se non sbaglio uno dei poeti "maledetti", ci regala delle poesie bellissime. E' interessante sottolineare che il suo andare lontano è paragonato a quello di uno zingaro. Penso che non cambierebbe idea anche se oggil lo zingaro è simbolo non solo di libertà.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.