martedì 13 dicembre 2016

Rinnovo del contratto dei metalmeccanici: un accordo vergognoso e pericoloso per migliaia di lavoratori


Articolo da Clash City Workers

FIOM, FIM e UILM hanno da poco raggiunto l’intesa con Federmeccanica per il rinnovo del contratto collettivo dei metalmeccanici. Un accordo vergognoso, come abbiamo qui analizzato, che la FIOM ha accettato pur di tornare a siglare un contratto unico con gli altri sindacati dopo 8 anni di divisioni.

Peccato che per raggiungere questo obiettivo Landini abbia abdicato a tutte le battaglie degli scorsi anni: aumenti per tutti, rifiuto a scambiare salario con welfare aziendale, flessibilità oraria, diritto di sciopero. Un’intesa tanto negativa per i lavoratori da costringere l’area di opposizione della CGIL ad abbandonare il tavolo, per lanciare un segnale sulla pericolosità di questo accordo.

Nessun aumento salariale: gli stipendi verranno soltanto adeguati ex-post all’inflazione reale, quindi al momento non si sa nemmeno se e quanto cresceranno le buste paga. Al posto degli aumenti in busta paga i lavoratori potranno usufruire di benefit (buoni sconto) e welfare (assistenza sanitaria e previdenza integrativa). Così le aziende risparmiano sulle tasse mentre i lavoratori ci rimettono tre volte: rinunciano agli aumenti salariali; benefit e welfare non rientrano nel calcolo di tredicesima, quattordicesima, TFR e contributi INPS abbassandone l’importo; infine il diritto a ricevere questa forma di salario indiretto è subordinato all’adesione a fondi privati (come il Cometa) e rende ancor più ricattabili i lavoratori che si trovano ad essere dipendenti dall’azienda non solo per il salario ma anche per un welfare sempre più privatizzato.

Non migliore sarà la parte normativa che recepisce le clausole di raffreddamento del conflitto (i sindacati firmatari si impegnano a non scioperare) ed accetta la definizione di un orario flessibile plurisettimanale (cioè le aziende potranno non pagare gli straordinari andando poi in compensazione).
Insomma un accordo davvero vergognoso e pericoloso per migliaia di lavoratori. Ma la battaglia non è ancora finita! L’accordo sarà sottoposto ad approvazione da parte dei lavoratori metalmeccanici tramite il referendum del 19-20-21 dicembre. Sarà dura con FIM e UILM, come sempre schierate compatte per il SI’ a fianco dei padroni, ed una FIOM che cercherà in tutti i modi di presentare l’accordo come l’unico possibile, dati i tempi di crisi. Ma noi non ci arrendiamo anche perché questa battaglia non riguarderà solo i metalmeccanici, ma tutti i lavoratori e le lavoratrici: come già annunciato da Confindustria e confederali che si apprestano a riprendere il dialogo per il cosiddetto “Patto di Fabbrica”, il contratto dei metalmeccanici potrebbe diventare il modello per una nuova tipologia contrattuale valida in tutti i settori.

Per questo è necessario informare tutti i metalmeccanici sul contenuto inaccettabile dell’accordo e costruire una campagna non solo in difesa degli interessi degli operai ma anche di quelli di tutti gli altri lavoratori. Per questo è parimenti importante informare tutti i lavoratori di altri settori e chiedere sostegno per i metalmeccanici, perché la loro lotta è la lotta di tutti noi. Ci riguarda tutti perché se passa il referendum dei metalmeccanici, presto potremmo trovarci tutti nuovi contratti con zero aumenti, salario barattato con buoni sconto e pacchetti di welfare, più flessibilità oraria e divieto di sciopero. Il sogno di Confindustria e Federmeccanica, l’incubo dei metalmeccanici e di tutti i lavoratori. Ma per fermare questa deriva non ci basta aprire gli occhi, dobbiamo organizzarci con tutti gli strumenti a nostra disposizione che, come abbiamo visto col referendum costituzionale, sono moltissimi.

Continua la lettura su Clash City Workers


Fonte: Clash City Workers


Autore: collettivo Clash City Workers

Licenza: Creative Commons (non specificata la versione


Articolo tratto interamente da Clash City Workers


1 commento:

  1. Votare no credendo di poter cambiare porta a questi risultati. E sarà ancora peggio.
    Buona vita

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.