martedì 20 settembre 2016

Siamo uomini o caporali?


"L'umanità io l'ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali. La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali per fortuna è la minoranza. Gli uomini sono quegli esseri costretti a lavorare tutta la vita come bestie, senza vedere mai un raggio di sole, senza la minima soddisfazione, sempre nell'ombra grigia di un'esistenza grama. I caporali sono appunto coloro che sfruttano, che tiranneggiano, che maltrattano, che umiliano. Questi esseri invasati dalla loro bramosia di guadagno li troviamo sempre a galla, sempre al posto di comando, spesso senza avere l'autorità, l'abilità o l'intelligenza, ma con la sola bravura delle loro facce toste, della loro prepotenza, pronti a vessare il povero uomo qualunque."

Totò (Antonio De Curtis)

Tratto dal film Siamo uomini o caporali?

Post originale 16 GIUGNO 2016


7 commenti:

  1. Purtroppo aveva ragione lui ......
    Grazie per la tua visita Vincenzo - Buona giornata e settimana appena iniziata :-) A presto !

    RispondiElimina
  2. Il grande Totò aveva ragione ai suoi tempi, purtroppo i tempi non sono per niente cambiati anzi peggiorati,
    un caro saluto

    RispondiElimina
  3. Caro Vincenzo, tutti credevamo che Totò fosse solo un comico, ma lo ha dimostrato in tanti modi che era una persona molto seria nelle cose serie.
    Ciao e buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. I caporali sono sempre esistiti,ma sono gli uomini,se sono veramente uomini che devono mettersi nella condizione di non accettare l'umiliazione,lo sfruttamento e la tirannia.
    Se esistono ancora i caporali la colpa e che forse ci sono pochi uomini,uomini che per un effimero benessere accettano di chinare sempre la testa.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  5. Totò aveva visto lungo su tante cose. Io lo adoro, da sempre.

    RispondiElimina
  6. Totò è stato, a mio avvio, il testimone di come un uomo semplice, ma dotato di grande acume, poteva prendere tutti in giro senza che gli stessi si rendessero conto di quanto stava accadendo; queste sue profonde parole sono la testimonianza che chi gli dava del "sempliciotto" dello stupido o solo del fenomeno mediatico aveva a che fare con una persona piuttosto temibile ... sebbene poi lui fosse un uomo rimasto fedele a se stesso, un uomo. Bel post. Grazie e a presto. :-)

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.