mercoledì 7 settembre 2016

Sarà pubblicato il manoscritto Voynich


Articolo da Il Fatto Storico

È uno dei libri più misteriosi del mondo, un manoscritto medievale scritto in una lingua sconosciuta o in un codice che nessuno ha ancora decifrato.

Gli studiosi cercano da tempo di decifrare il manoscritto di Voynich, il cui intrigante mix di scrittura elegante e disegni di strane piante e donne nude ha fatto credere a qualcuno di avere poteri magici.

L’usurato libro è oggi al sicuro nella Biblioteca Beinecke di libri rari e manoscritti dell’Università di Yale (Stati Uniti), usato solo raramente. Ora però, dopo 10 anni di richieste, la Siloe, una piccola casa editrice spagnola, si è assicurata i diritti per riprodurre il documento.

«Toccare il Voynich è un’esperienza», dice Juan José Garcia, il direttore della Siloe i cui uffici si trovano nella città di Burgos, non lontano dalla famosa cattedrale gotica. «È un libro con una tale aura di mistero che quando lo vedi per la prima volta.. ti riempe con un’emozione molto difficile da descrivere».

Siloe, società specializzata nelle riproduzioni di antichi manoscritti, ha comprato i diritti per fare 898 repliche esatte del Voynich – così fedeli che saranno riprodotti ogni macchia, buco o strappo nella pergamena.

Solo 898 copie

La compagnia pubblica sempre 898 repliche di ciascuna opera che riproduce – un numero palindromo – dopo il successo del suo primo duplicato del quale fece 696 copie.

La casa editrice pianifica di vendere le riproduzioni tra i 7,000 e gli 8,000 euro per copia. Quasi 300 persone hanno già effettuato un pre-ordine. Raymond Clemens, curatore della Libreria Beinecke, dice che Yale ha deciso di accettare la proposta perché troppe persone vogliono consultare il fragile manoscritto.

«Abbiamo pensato che un duplicato potrà fornire l’aspetto e la sensazione dell’originale, per chi è interessato», ha detto. «Permette anche alle biblioteche e ai musei di avere una copia per scopi informativi, e useremo noi stessi il facsimile per mostrare il manoscritto fuori dalla biblioteca agli studenti o a chi altro possa essere interessato».

Il manoscritto prende il nome dell’antiquario Wilfrid Voynich, che lo acquistò nel 1912 dal collegio gesuita di Villa Mondragone, nei pressi di Frascati, e lo fece poi conoscere al pubblico.

Continua la lettura su Il Fatto Storico

Fonte: Il Fatto Storico

Autore: redazione Il Fatto Storico

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia


Articolo tratto interamente da 
Il Fatto Storico


7 commenti:

  1. speriamo che sia leggibile, se no sara' una truffa!

    RispondiElimina
  2. Certo che se non è un libro bufala (potrebbe? Non potrebbe? Chissà!) poterlo toccare deve essere una sensazione.. stupefacente! Ti confesso che almeno vederlo dal vero mi piacerebbe

    RispondiElimina
  3. Mi sembra di aver già sentito parlare di questo libro misterioso. Mi colpisce sempre tutto ciò che è un pò oscuro. Un saluto

    RispondiElimina
  4. Come già accennato da altri molti pensano che sia veramente una colossale truffa. Chissà se un giorno scopriranno la verità.
    PER IL MOMENTO DI VERO C'È CHE OGGI È IL TUO COMPLEANNO.
    AUGURI VIVISSIMI DI BELLE COSE E FELICITÀ
    Enrico

    RispondiElimina
  5. Beh l'operazione è per collezionisti, non ci piove! :O Per chi volesse curiosare, è consultabile in rete > http://brbl-dl.library.yale.edu/vufind/Record/3519597

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.