sabato 23 luglio 2016

Strage a Monaco di Baviera: 9 morti e 27 feriti

July2016-munich-shootings-map

Articolo da La Stampa

Monaco il giorno dopo. Resta lo choc, la paura, la rabbia e l’incredulità per quello che è accaduto ieri nel tardo pomeriggio nel centro commerciale Olympia. Ali Sonboly, 18enne tedesco-iraniano, armato con una pistola Glock 9 mm e 300 proiettili, prima ha fatto fuoco davanti a un fast food poi tra i negozi, uccidendo nove persone, la maggior parte giovani tra i 14 e i 20 anni, oltre a una donna di 45, e mettendo in scacco una città senza un motivo ben chiaro. Sono 27 le persone ferite, di cui 10 in condizioni gravi e tra essi anche un 13enne. Tutte persone del posto, nessun turista è stato coinvolto nella tragedia.

MERKEL: “SOFFRIAMO PER LE FAMIGLIE DELLE VITTIME” 

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha espresso il «grande cordoglio» del governo e della Germania verso «le famiglie di coloro che non torneranno più a casa, a nome di tutti condividiamo il vostro dolore, soffriamo con voi. Il pensiero ai numerosi feriti che possano guarire completamente». «Scopriremo cosa c’è dietro a questo attacco. Faremo di tutto per garantire sicurezza e libertà» ha aggiunto.


E ora Monaco cerca di ritornare alla normalità. È diminuita anche la presenza della polizia in città, che prima sembrava sotto assedio. Ieri 2.500 agenti di polizia e circa lo stesso numero di vigili del fuoco e soccorritori sono stati spostati da tutta la Baviera nel capoluogo. Solo il centro commerciale Olympia resta off limits.

LA POLIZIA: HA AGITO DA SOLO, NESSUN LEGAME CON L’ISIS

L’autore della strage ha agito solo, non aveva complici, e a casa sua non è stato trovato materiale legato a Isis, ma solo documentazione su stragi del passato: lo ha detto in conferenza stampa Hubertus Andrae, capo della polizia di Monaco, precisando che «non c’è alcun legame» tra la strage e il tema dei profughi. Andrae ha detto che «non c’è nessuna prova» che il 18enne sia stato vittima di bullismo mentre, ha aggiunto: «E’ evidente il legame» dell’eccidio di Monaco con la strage compiuta da Anders Breivik a Utoya 5 anni fa (69 morti) «di cui ieri cadeva il quinto anniversario».

IL PROCURATORE: ERA IN TERAPIA PSICHIATRICA  


Un altro importante dettaglio sulla vita privata del killer emerge dal procuratore di Monaco Thomas Steinkraus-Koch: il giovane si era sottoposto a «terapia psichiatrica», curato per depressione. Notizia poi confermata anche dal ministro dell’Interno della Baviera, Joachim Hermann.

Continua la lettura su La Stampa


Fonte: La Stampa

Autore: Fulvio Cerutti - Daniela Lanni


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Articolo tratto interamente da 
La Stampa 


Photo credit Veggies (Base map from OpenStreetMap) [ODbL or CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons


2 commenti:

  1. Una cosa che mi lascia perplesso, non me l'aspettavo.

    RispondiElimina
  2. Chissà se la verità verrà alla luce...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.