domenica 4 ottobre 2015

Emergency esprime la sua solidarietà a Médecins Sans Frontières

 
Comunicato da Emergency

Emergency esprime la sua solidarietà a Médecins Sans Frontières e condanna l'attacco all'ospedale di Kunduz
Bombardare un ospedale dove si curano i feriti è un atto di violenza inaccettabile.
Un ospedale è un luogo di cura che come tale va tutelato e ciò è possibile solo se gli ospedali vengono rispettati da tutte le parti in conflitto, come previsto dalle convenzioni di Ginevra.
Oggi pomeriggio Msf trasferirà alcuni feriti all'ospedale di Emergency a Kabul. Emergency resta a disposizione di Msf e della popolazione di Kunduz per curare gli altri feriti che potranno essere evacuati dalla città.
Emergency, che in Afghanistan gestisce 3 ospedali, 1 centri di Maternità e 45 posti di primo soccorso, è molto preoccupata dal costante peggioramento delle condizioni di sicurezza: nel Paese si combatte in 25 province su 34 e il numero dei feriti e delle vittime civili cresce di mese in mese. La violenza e l'instabilità in cui sta precipitando l'Afghanistan rende sempre più difficile garantire l'attività degli operatori umanitari e tutto questo rischia di tradursi in un ulteriore danno a discapito della popolazione afgana.

3 ottobre 2015

3 commenti:

  1. Io mi domando solo come si fa a commettere simili errori.... bombardare un ospedale invece che.... terribile!

    RispondiElimina
  2. Infatti, si fatica a pensare siano errori.

    RispondiElimina
  3. non ci sono parole non ci sono limiti

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.