martedì 22 maggio 2018

La legge 194 compie 40 anni



Articolo da Radio Città Fujiko 

Esattamente 40 anni fa, il 22 maggio del 1978, il Parlamento approvava la legge sull'interruzione volontaria di gravidanza. La legge 194 è stata a più riprese boicottata, ad esempio con l'obiezione di coscienza, ma il movimento femminista Non una di meno rilancia chiedendo molto di più. Le iniziative di oggi e la manifestazione del 26 maggio.


Era il 22 maggio del 1978 quando il Parlamento approvava la legge 194, che disciplinava l'interruzione volontaria di gravidanza. Una legge resa necessaria anche per contrastare il problema degli aborti clandestini, che mettevano a repentaglio la salute e la vita stessa delle donne.
Oggi, a distanza di quarant'anni, sono numerosi i tentativi di boicottaggio della legge e, in una certa misura, l'obiettivo delle frange conservatrici del cattolicesimo è stato raggiunto.

Basti pensare che, nel 2018, l'obiezione di coscienza - contenuta nella legge - ha raggiunto una media nazionale del 70%. Ma in alcune regioni è addirittura del 90%. ha Solo 390 delle 654 strutture dotate di reparti di ostetricia e ginecologia effettuano interruzioni di gravidanza, con il risultato che l'interruzione volontaria di gravidanza è sempre più un percorso a ostacoli.

L’aborto farmacologico è somministrato da pochi ospedali e in modo limitato, mentre la stessa legge 194 prevede l’uso delle tecniche più aggiornate a tutela della salute della donna. Inoltre, riguardo gravidanza e parto, oltre il 20% delle donne racconta di aver subito umiliazioni e pratiche violente durante il parto, mentre l’accesso gratuito agli esami diagnostici durante la gravidanza è compromesso dalla carenza di strutture pubbliche, con conseguenze gravi sulla salute e sul benessere delle donne, soprattutto quelle più povere e precarie.

Il movimento femminista Non una di meno, però, affronta questo anniversario e i relativi arretramenti registrati sul versante del diritto all'autodeterminazione delle donne puntando in avanti e chiedendo "molto più di 194", cioè molto più di quanto prevede la legge.
"Una legge fortemente e volutamente ambigua, lontana dalle rivendicazioni femministe e più vicina, nella sua stesura finale, al compromesso al ribasso giocato dalle forze cattoliche e più conservatrici dello Stato", viene definita la 194 dalle femministe.

Continua la lettura su Radio Città Fujiko


Intervento audio su Radio Città Fujiko  

Fonte: Radio Città Fujiko 



Autore: redazione Radio Città Fujiko 


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.



Articolo tratto interamente da Radio Città Fujiko



13 commenti:

  1. ed è attaccata da tutte le parti...

    RispondiElimina
  2. E io prego per tutti quei bambini ammazzati la cui voce non è stata ascoltata e per le loro mamme che si sono private di un amore grande, grande, grandissimo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno deve sentirsi libero di fare una scelta.

      Elimina
    2. Concordo, peccato che questo diritto sia negato ai futuri nascituri
      sinforosa

      Elimina
  3. Ci vorrebbe una legge che vietasse questa obiezione di coscienza anche perché tecnicamente non lo è. Mi spiego: un tempo (perché ora il servizio militare è volontario se non erro) se tu non volevi fare il servizio militare facevi obiezione di coscienza ossia facevi altro ma non significava che ti arruolavi per fare le marce e poi non sparavi. Quindi se tu non vuoi praticare l'aborto non fai quel lavoro farai il cardiologo, l'ortopedico, seguirai un'altra specializzazione. E' inammissibile che si boicottino una legge ed un diritto delle donne attraverso questo escamotage.

    RispondiElimina
  4. L'obiezione di coscienza è secondo me una cosa assurda.
    Se la donna ha diritto di abortire, ciascun medico che presta servizio in un ospedale pubblico dovrebbe garantirglielo.
    Altrimenti potrebbero lavorare altrove.
    Fortunatamente non ho mai avuto bisogno di interrompere una gravidanza, ma sono dalla parte delle donne che scelgono, per i loro motivi, di farlo.

    RispondiElimina
  5. I cosidetti obiettori di coscienza, invece di fare i ginecologi potrebbero fare i pediatri, i cardiologi, i geriatri, e prendere altre specializzazioni, invece di occupare i posti di ginecologia dato che per coscienza non possono espletare le loro manzioni,così come un obiettore di coscienza non fa il militare e va a fare la guerra, si chiama coerenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia c'è un numero esagerato di obiettori.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.