mercoledì 23 maggio 2018

23 maggio: ricordiamo Giovanni Falcone e le vittime della strage di Capaci



Il 23 maggio 1992, sull'autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci nel territorio comunale di Isola delle Femmine, a pochi chilometri da Palermo, ci fu un attentato messo in atto da Cosa Nostra.

Nell'attentato persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Gli unici sopravvissuti furono gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza.

Oggi ricordiamo tutte le vittime di questa orrenda strage e vi lascio con le parole del magistrato Giovanni Falcone:


«La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni».



Giovanni Falcone


6 commenti:

  1. Buonasra,
    qualcuno li chiama eroi, altri angeli ... fatto sta che queste persone si sono opposte con molto coraggio davanti ad un problema endemico che stenta a scomparire e io credo che non accadrà mai perchè i legami profondamente spaventosi che si celano dietro certe fantomatiche figure, sono troppo radicate nella società attuale e nel mondo! probabilmente si potrebbe agire meglio su questo dramma dilagante ma alla fine, subentra la paura e la paralisi che non fa che allargare impensabilmente questo problema. I giudici Falcone e Borsellino hanno rappresentato e, a tutt'oggi, un vero e proprio riferimento di orgoglio per tutti coloro che nel personale ostentano contro il cancro oscuro di questa insana organizzazione. Sarà forse che il coraggio è la paura che recita le sue preghiere. Cordiali Saluti.

    RispondiElimina
  2. Uomini veri come Falcone vanno ricordati e soprattutto onorati; onorati attraverso il rispetto ma anche l'azione. Essere cioè tutti disposti a fare nel piccolo la propria parte.

    RispondiElimina
  3. Sempre da tenere presente come Uomo.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.