giovedì 11 agosto 2016

Il genocidio dei Guarani nel Brasile delle Olimpiadi


Articolo da Pressenza

Mentre il Brasile si pavoneggia ospitando le Olimpiadi, i Guarani, che in Brasile vivono fin da tempi antichissimi, mandano un messaggio deciso agli allevatori violenti che stanno distruggendo la loro terra e li sottopongono a violenza genocida e razzismo.

Il messaggio segue un’ondata di sfratti e attacchi violenti e la morte di un bambino di sette mesi avvenuta nella comunità di Apy Ka’y a luglio. “Siete degli assassini e continuate ad attaccare la nostra tekohá [terra ancestrale]. Ma noi non cederemo, lotteremo per le terre che ci sono state rubate” ha affermato l’organizzazione dei Guarani del Brasile, Aty Guasu. “Ogni volta che ucciderete uno di noi, la nostra lotta diventerà più determinata. Ogni volta che ci sparerete, avanzeremo di un passo. E per ogni nuova tomba, rioccuperemo più terra. Ve lo garantiamo.”

Aty Guasu ha anche realizzato un video che raccoglie filmati e immagini di alcuni dei più recenti episodi di violenza sferrati contro i Guarani.

Molti Guarani sono costretti a vivere ai margini delle strade e vengono attaccati dai sicari o sfrattati con la forza se tentano di rioccupare la terra ancestrale. A denunciarlo e a sostenere le rivendicazioni di questo popolo è l’organizzazione Survival International. I bambini guarani soffrono la fame e molti dei loro leader sono stati assassinati. Centinaia di uomini, donne e bambini si sono tolti la vita, e il gruppo dei Guarani Kaiowá soffre del tasso di suicidi più alto al mondo.

A luglio, quasi 100 funzionari di polizia brasiliani pesantemente armati hanno sfrattato dalla loro terra alcune famiglie guarani. Le loro case sono state demolite e la comunità è stata costretta a tornare a vivere in accampamenti di fortuna ai margini della strada; successivamente un bambino di sette mesi è morto di freddo e malnutrizione.

Nel corso del 2016, molte altre comunità guarani sono state attaccate dai sicari al soldo degli allevatori. In un attacco alla comunità di Tey’i Jusu un uomo guarani è morto e diversi altri – tra cui un ragazzino di dodici anni – sono stati ricoverati in ospedale.


“Il Brasile ospita i Giochi Olimpici, il governo è sotto gli occhi del mondo intero e sta cercando di nascondere la realtà che viviamo noi popoli indigeni… Noi Guarani veniamo attaccati, i nostri leader vengono uccisi e la nostra terra non viene demarcata. Ma questi Giochi Olimpici non mostreranno nulla di tutto ciò” ha detto il leader Eliseu Guarani in un video registrato grazie al progetto di Survival, Tribal Voice. “Persone di tutto il mondo guardano questi giochi e fanno il tifo… e fanno il tifo anche per la nostra sofferenza.”

Continua la lettura su Pressenza


Fonte: Pressenza


Autore: 
Il Cambiamento

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.


Articolo tratto interamente da Pressenza

Photo credit Carlos Latuff


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.