venerdì 25 marzo 2016

Addio a Johan Cruijff

Johan Cruijff (1974)

La leggenda del calcio Johan Cruijff è morto a Barcellona all'età di 68 anni.  Nello scorso novembre aveva dichiarato al mondo, che aveva un cancro ai polmoni, ma purtroppo dopo una dura lotta non c'è l'ha fatta.

Ripercorriamo la sua grande carriera, attraverso le pagine di Wikipedia.


Hendrik Johannes Cruijff, detto Johan e spesso scritto Cruyff al di fuori dei Paesi Bassi (Amsterdam, 25 aprile 1947 – Barcellona, 24 marzo 2016), è stato un calciatore e allenatore di calcio olandese, nonché dirigente sportivo.

Considerato uno dei migliori giocatori della storia del calcio, fu l'interprete più emblematico del calcio totale con cui l'Ajax e i Paesi Bassi di Rinus Michels rivoluzionarono la storia del calcio tra la seconda metà degli anni 1960 e la prima metà degli anni 1970.

Nel corso della carriera ricevette vari soprannomi: il più famoso è "Profeta del gol", che ispirò il titolo del film-documentario sulla vita sportiva di Cruijff diretto da Sandro Ciotti. Il giornalista Gianni Brera lo ribattezzò invece "il Pelé bianco".

È, insieme con Michel Platini e Marco van Basten, il calciatore che ha vinto più Palloni d'oro (riconoscimento da non confondere con l'odierno Pallone d'oro FIFA) nella storia, tre: nel 1971, nel 1973 e nel 1974. Fra Nazionale olandese e squadre di club segnò da professionista 402 gol in 716 partite ufficiali. È stato eletto secondo miglior calciatore del XX secolo dietro Pelé nella classifica stilata dall'IFFHS.

È uno dei sei allenatori ad aver vinto la Coppa dei Campioni dopo averla vinta da giocatore: detiene il record con Miguel Muñoz, Giovanni Trapattoni, Josep Guardiola, Frank Rijkaard e Carlo Ancelotti.


Continua la lettura su Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questo articolo è pubblicato nei termini della 
GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera. 


Photo credit Rob Mieremet / Anefo (Nationaal Archief) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons


2 commenti:

  1. Lo ricorderemo sempre con il suo forte attaccamento allo sport che lo ha portato ai vertici del mondo!!!
    Buon venerdì santo caro Vincenzo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. una pagina della storia del calcio, una leggenda e un grande uomo anche fuori dal campo

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.