martedì 19 aprile 2016

Free Music Archive, alta qualità per un patrimonio di tutti

Free-music-archive

Articolo da Voci Globali 

Tanti artisti vivono con il grande desiderio di suonare e cantare la propria musica. Da una decina d’anni esistono organizzazioni non-profit che permettono ai musicisti di esprimersi attraverso piattaforme di settore. Anche con una strumentazione minima si possono ottenere grandi risultati: un punto di partenza per costruire la propria carriera.

Tra le più longeve c’è Free Music Archive. Lanciata nel 2009 dalla radio digitale WFMU, l’archivio si presenta come un contenitore di file MP3 pronti per determinati usi che altrimenti non sarebbero consentiti dalle leggi sul copyright, come video, progetti scolastici e altro ancora.

Cheyenne Hohman è la direttrice di FMA, 32 anni, vive e studia a New York. Risponde alle nostre domande subito dopo aver concluso l’evento organizzato per raccogliere fondi a favore di WFMU, la Fundraising Marathon 2016.

Chi sono i “curatori” che arrivano da tutto il mondo? E com’è organizzata FMA?
Ci sono molte ragioni che stanno dietro l’idea di avere dei curatori del sito, ma le due principali sono: avere un filtro per i contenuti (così qualcuno può valutarli prima che siano caricati, a differenza di altri siti dove chiunque può caricare qualsiasi cosa), e per organizzare i contenuti stessi (alcuni curatori sono specializzati in musica classica, altri nel rock o in musica di un Paese specifico, ecc). Avere dei curatori è un vantaggio e rende FMA diverso.
I curatori sono a volte etichette discografiche / netlabel, collettivi di artisti, luoghi che registrano in-house spettacoli, gallerie d’arte, festival musicali, stazioni radio (online anche “Nartraradioroma“), e altro ancora. Alcuni esempi sono la netlabel “Oddio Overplay”, la stazione radio a forma libera WFMU, il festival di musica Primavera Sound, e il locale Project Room. Siamo aperti a nuovi curatori, e di solito uno al mese si aggrega.
Ci sono statistiche relative all’andamento delle licenze CC?
L’idea alla base di licenze Creative Commons è quella di realizzare un quadro giuridico personalizzabile: a ognuna delle 6 licenze che si possono scegliere corrispondono diritti diversificati che in genere si ottengono con il copyright tradizionale. Le licenze Creative Commons esistono ormai da più di dieci anni, e da quando sono state sviluppate e rilasciate al pubblico, sono stati aggiunti più di un miliardo di prodotti! Per quanto riguarda la musica, Creative Commons riporta un dato di circa 4 milioni di canzoni concesse in licenza CC, che crescono ogni giorno. Si può vedere la piena portata dei CC nella loro rapporto dal titolo “State of the Commons“.
È possibile sopravvivere in un sistema non commerciale? Se finora la musica è stata solo un business, tutto questo può cambiare?
Il business della musica è stato costruito intorno a persone che fanno arte, che spesso hanno scopi liberi, indirizzati alla comunità. Invece il loro obiettivo viene stravolto per fare soldi. Alcuni degli artisti su FMA stanno cercando di tornare a condividere liberamente musica con persone che hanno voglia di divertirsi! Inoltre, alcuni artisti su FMA guadagnano grazie alla concessione di licenze delle loro canzoni; le condividono sotto licenze non commerciali e, se arriva qualcuno che vuole utilizzarle per scopi commerciali, possono farlo con licenza del brano da parte dell’artista o artisti e con il pagamento di una piccola tassa. Con questo sistema non si sottraggono soldi all’equazione ma si rimuovono le etichette discografiche come unica strada per fare denaro. Il motivo per cui le persone condividono la loro musica sul Free Music Archive è perché vogliono condividere la loro musica su un sito dove sarà trovato e ascoltato! Nella maggior parte dei grandi siti di hosting non ci sono modi semplici per trovare quello che stai cercando. Il nostro sito tenta di aggiungere le classificazioni di genere per ogni album / brano in modo che i nostri utenti possono trovare le cose con più facilità.
FMA spiega che il copyright sulla musica è il più complesso raggruppamento di leggi nell’insieme del diritto, esisterà ancora a lungo?
Il grosso problema con il diritto d’autore (e, credetemi, c’è anche una marea di problemi minori) è che il copyright si mantiene per periodi lunghissimi. In passato il copyright doveva scadere 14 anni dopo la pubblicazione di un opera, ma si è riusciti ad allungare i tempi più e più volte. Ora la protezione del copyright dura più di 100 anni! È stato esteso più volte, alla fin fine, per proteggere i diritti d’autore su Topolino, che per primo è apparso nel 1928. Poi si è passati ai libri, ai film di un secolo fa, e all’audio, tutto bloccato sotto copyright. Nessuno sa veramente per quanto tempo questo sistema andrà avanti. Grandi società di media, etichette discografiche, ecc. sembrano voler rendere indefinito il diritto d’autore – in modo da poter continuare a fare profitti al di fuori del processo di lavorazione, fuori da una misura ragionevole, mentre dovrebbe appartenere al pubblico. Ecco perché Creative Commons è così grande – offre un’alternativa che lavora in parallelo al diritto d’autore e non richiede al diritto d’autore di operare cambiamenti, dal momento che probabilmente non cambierà in tempi brevi.
Ci sono artisti diventati famosi grazie a FMA?

Creative Commons è qualcosa di relativamente recente, difficile fare nomi. Tuttavia, alcuni artisti CC hanno avuto un grande successo, ad esempio Kevin Macleod, la cui musica è circolata in innumerevoli video di YouTube. È vero anche che alcuni artisti di successo in ambito commerciale hanno abbracciato CC. Per esempio, Trent Reznor ha pubblicato alcuni dei suoi album in incognito, sotto una licenza Creative Commons.
Continua la lettura su Voci Globali

Fonte: Voci Globali


Autore: 



Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale


Articolo tratto interamente da Voci Globali



Photo credit Bronwyn Bishop (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons



3 commenti:

  1. un post molto interessante caro Vincenzo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. é interessante questa nuova modalità di condivisione della musica, non la conoscevo e devo dire mi trova molto d'accordo

    RispondiElimina
  3. Molto interessante questa intervista, grazie pr la condivisione, alla base del vero sapere ...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.