martedì 1 novembre 2016

Addio a Tina Anselmi


Articolo da Radio Popolare Verona

La prima donna nella storia della politica italiana a ricoprire l’incarico in un ministero, è mancata stanotte nella sua Castelfranco Veneto che le ha dato i natali 89 anni fa, dove è stata una coraggiosa staffetta a soli diciassette anni della brigata autonoma “Cesare Battisti” e del Comando regionale del Corpo volontari della libertà nella Resistenza e dove ha lottato per i diritti delle filandiere e delle insegnanti. «Non si poteva non amare Tina Anselmi. In tutto ciò che fece, fu sempre spinta dalle stesse motivazioni che la convinsero a diventare staffetta partigiana. Quelle ragioni le spiegò lei stessa in una delle pagine più belle che io abbia mai letto, sulla Resistenza. Lei disse che “quello che la spingeva era il desiderio di vita e di costruire un mondo migliore”». Così la ricorda a la Repubblica Carlo Smuraglia, presidente dell'Anpi.

La vita politica. Parlamentare dalla V alla X legislatura eletta nella Circoscrizione Venezia-Treviso, ha fatto parte delle Commissioni Lavoro e previdenza sociale, Igiene e sanità, Affari sociali, occupandosi molto dei problemi della famiglia e della donna. Ha presieduto per due volte la Commissione parlamentare d’inchiesta sulla Loggia P2. È stata tre volte sottosegretaria al Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale, una volta ministra del Lavoro, due volte ministra della Sanità. Si deve a lei la legge sulle pari opportunità ed è stata tra gli autori della riforma che introdusse il Servizio Sanitario Nazionale.

Continua la lettura su Radio Popolare Verona


Fonte: 
Radio Popolare Verona 

Autore: 
Elena Guerra

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia.


Articolo tratto interamente da 
Radio Popolare Verona


6 commenti:

  1. Una donna cara Vincenza che lascerà un segno indelebile!!!
    Ciao e buona serata caro amico.

    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Una donna che avrebbe potuto essere capo dello stato con grande capacità e onore per l'Italia.

    RispondiElimina
  3. E' stata davvero un esempio per tutte le donne, buona serata!

    RispondiElimina
  4. Grande donna, una dei pochi politici della DC che ho ammirato (si contano sulle dita di una mano, probabilmente).

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.