venerdì 11 dicembre 2015

Saeco, fumata nera al tavolo ministeriale

Saeco Gaggio Montano

Articolo da Radio Città Fujiko 

Si chiude con un nulla di fatto l'incontro al ministero dello Sviluppo economico sulla vertenza Saeco. Il ministro Federica Guidi e i sindacati hanno dovuto prendere atto della volontà di Philips di non fare alcun passo indietro rispetto alla decisione di licenziare 243 lavoratori. Papignani (Fiom-Cgil): "L'azienda chiede un allentamento della lotta? Noi la inaspriremo".


Termina con un nulla di fatto e un rinvio a un prossimo incontro il primo tavolo di crisi sulla Saeco, tenutosi oggi presso il ministero dello Sviluppo economico. Philips, multinazionale proprietaria del marchio Saeco, rimane sulle sue posizioni e non arretra rispetto alla decisione di procedere al licenziamento di 243 lavoratori dello stabilimento di Gaggio Montano. Si ripete dunque il copione della settimana scorsa al tavolo in Regione. Passi indietro non intendono farne, d'altra parte, anche i sindacati, che confermano che la lotta proseguirà fino al ritiro dei licenziamenti. Il ministro Federica Guida ha dovuto così prendere atto che un accordo, al momento, non è possibile e ha chiesto un incontro all'azionista Philips, rendendosi "disponibile a prevedere incentivi all'innovazione purché ci sia un piano industriale pluriennale che salvaguardi l'occupazione, diversificando la produzione oppure continuando a fare macchina da caffé ma riportando in Italia quelle ad alta gamma che sono state portate all'estero, in Romania", fa sapere il segretario regionale della Fiom Bruno Papignani.


Continua la lettura su Radio Città Fujiko


Intervento audio su Radio Città Fujiko  


Fonte: Radio Città Fujiko 


Autore: Andrea Perolino


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.



Articolo tratto interamente da Radio Città Fujiko


Photo credit anonimo [Public domain or Licence Ouverte], via Wikimedia Commons


4 commenti:

  1. Caro Vincenzo, vedo che ci tieni informati in tutte le cose molto interessanti.
    Ciao e ti lascio un caloroso saluto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ecco l'Italia della ripresa ...de che?

    RispondiElimina
  3. speriamo... la saeco è un marchio a cui siamo affezionati, già dispiace saperla in mani straniere, poi questa brutta tegola dei licenziamenti, e già così in toscana noi toscani siamo messi male...

    RispondiElimina
  4. Spero si trovi un accomodamento che salvaguardi i lavoratori.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.