giovedì 21 giugno 2018

UE: approvata la proposta di riforma sul copyright



Articolo da La Stampa

Addio meme, addio upload libero di foto e filmini sul web. Il Parlamento europeo è pronto alla stretta su internet in nome dei diritti d’autore. La commissione Giuridica ha approvato le proposte di modifica della legislazione comunitaria sui copyright, dando il proprio benestare a norme che aprono la strada a possibili future tasse per la pubblicazione di link di articoli di giornale e a filtri che blocchino sulle grandi piattaforme contenuti audio-visivi in tutto o in parte protetti da diritti.

La questione è controversa. Per il legislatore c’è l’esigenza di tutelare i diritti intellettuali, per l’internauta una mossa di questo tipo rappresenta un restringimento delle maglie della rete. Le nuove norme di fatto impongono a tutti di pagare per ogni contenuto protetto. Con la riscrittura delle regole così come proposta tutti i grandi operatori dovranno sviluppare un sistema per controllare cosa si intende caricare. Attenzione dunque a Youtube, Instagram, eBay, Facebook. Un video con immagini o brani tutelati da licenze non potrà essere condiviso, così come una foto, anche quella da usare eventualmente per i meme. Non ci saranno grandi alternative: o si impedirà la pubblicazione del contenuto, o si dovrà far pagare per consultarlo.


Non finisce qui. In nome della tutela dei diritti intellettuali e del loro rispetto, ci saranno limitazioni alle notizie e agli articoli che gli aggregatori di notizie possono mostrare. La Commissione europea chiedeva una «link tax», vale a dire una tassa sui collegamenti ipertestuali in base al principio per cui «chi clicca paga» per tenersi informato. L’esecutivo comunitario prevedeva nello specifico che chiunque usi snippet di contenuti giornalistici on-line debba prima ottenere una licenza dall’editore, diritto valido per venti anni a partire dalla pubblicazione. La commissione Giuridica trova un compromesso nella limitazione degli elementi di un articolo che gli aggregatori possono mostrare e condividere senza far scattare il pagamento del copyright. Se un indirizzo web incorpora un estratto breve o il titolo di un articolo, dunque non scatta la tassa.

Continua la lettura su La Stampa


Fonte: La Stampa

Autore: E
manuele Bonini


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articolo tratto interamente da 
La Stampa



9 commenti:

  1. Caro Vincenzo, non mi pronuncio se sia una cosa giusta!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e iûn sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Quindi non potrò più caricare nel blog o su altri social eventuali video di musica o immagini presi in rete, sebbene si sottolinei che sono caricati dalla rete?
    Grazie mille.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per adesso hanno approvato la proposta, ci sono ancora altri passaggi da fare.

      Elimina
  3. Premesso che, tutelare i diritti d'autore, il copyright, foto o immagini altrui in parte mi sembra corretto (parlo di tutela contro le violazioni), insomma, ci può anche stare ... ma far pagare ogni cosa mi sembra esagerato! Per certi aspetti è un discorso che voglio anche capire, ma molti, senza questa diffusione di massa, dovuta anche ad un semplice ragazzo che nota una cosa e che la fa diventare virale, non sarebbero nemmeno conosciuti; poi sulla protezione, come detto su dei diritti "d'autore" &CO. è giusto ma bisognerebbe anche farlo in un certo modo. Poi metter d'accordo tutti ... quello si che è difficile! a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono state alcune proposte molto innovative, ma purtroppo non sono state prese in considerazione. Speriamo che questa proposta venga bocciata definitivamente.

      Elimina
  4. Se l'idea di partenza è ottima (tutelare i diritti d'autore) viene il dubbio di un probabile svolgimento maldestro...

    In un mondo fatto di persone intelligenti e corrette basterebbe
    -spiegare agli utenti la differenza tra condividere e riutilizzare e che se vogliono condividere contenuti possono farlo coi contenuti senza copyryght ed indicando fonti ed autori
    -invitare gli autori (di testi, immagini, video...) a semplificare la vita agli utenti, indicando chiaramente il copyright se l'opera che mettono sul web non può nemmeno essere condivisa ed indicando, nel modo più chiaro possibile, i dati minimi da allegare alle opere che vogliono lasciare condivisibili.

    Certo poi ci sono questioni e situazioni più complesse ma a me pare che manchino già solo queste basi ed è da qui che bisognerebbe partire a dare regole (semplici!), renderle note e farle rispettare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa legge limita la conoscenza e la libertà.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.