martedì 26 giugno 2018

Istat: oltre 5 milioni di persone in povertà assoluta in Italia


Articolo da PensioniOggi

Crescono nel 2017 le famiglie italiane in condizione di povertà assoluta. Nel 2017 in questa in condizione si trovano 1 milione e 778 mila famiglie residenti in cui vivono 5 milioni e 58 mila individui in aumento rispetto ai dati comunicati lo scorso anno che avevano visto coinvolti 4 milioni e 742mila persone, pari a 1,619 milioni di famiglie residenti). E' la fotografia scattata oggi dall'Istat.

L'incidenza di povertà assoluta è pari al 6,9% per le famiglie (da 6,3% nel 2016) e all'8,4% per gli individui (da 7,9%). Due decimi di punto della crescita rispetto al 2016 sia per le famiglie sia per gli individui si devono all'inflazione registrata nel 2017. Entrambi i valori sono i più alti della serie storica, che prende avvio dal 2005.

Nel 2017 l'incidenza della povertà assoluta fra i minori permane elevata e pari al 12,1% (1 milione 208mila, 12,5% nel 2016); si attesta quindi al 10,5% tra le famiglie dove è presente almeno un figlio minore, rimanendo molto diffusa tra quelle con tre o più figli minori (20,9%). L'incidenza della povertà assoluta aumenta prevalentemente nel Mezzogiorno sia per le famiglie (da 8,5% del 2016 al 10,3%) sia per gli individui (da 9,8% a 11,4%), soprattutto per il peggioramento registrato nei comuni Centro di area metropolitana (da 5,8% a 10,1%) e nei comuni più piccoli fino a 50mila abitanti (da 7,8% del 2016 a 9,8%). La povertà aumenta anche nei centri e nelle periferie delle aree metropolitane del Nord.

Svantaggiati soprattutto i giovani


L'incidenza della povertà assoluta diminuisce all'aumentare dell'età della persona di riferimento. Il valore minimo, pari a 4,6%, si registra infatti tra le famiglie con persona di riferimento ultra sessantaquattrenne, quello massimo tra le famiglie con persona di riferimento sotto i 35 anni (9,6%). A testimonianza del ruolo centrale del lavoro e della posizione professionale, la povertà assoluta diminuisce tra gli occupati (sia dipendenti sia indipendenti) e aumenta tra i non occupati; nelle famiglie con persona di riferimento operaio, l'incidenza della povertà assoluta (11,8%) è più che doppia rispetto a quella delle famiglie con persona di riferimento ritirata dal lavoro (4,2%). Cresce rispetto al 2016 l'incidenza della povertà assoluta per le famiglie con persona di riferimento che ha conseguito al massimo la licenza elementare: dall'8,2% del 2016 si porta al 10,7%. Le famiglie con persona di riferimento almeno diplomata, mostrano valori dell'incidenza molto più contenuti, pari al 3,6%.

Continua la lettura su PensioniOggi

Fonte: PensioniOggi

Autore: 
redazione PensioniOggi

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Articolo tratto interamente da 
PensioniOggi


19 commenti:

  1. Caro Vincenzo, spesso mi dico fortunato di essere qui in Svizzera.
    Penso ai tanti pensionati in Italia che fanno la fame!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Quanti poveri, purtroppo, e diventeranno sempre di più.
    sinforosa

    RispondiElimina
  3. Sembrerò banale, ma a me ciò che impressiona sono i dati .. Le statistiche, e tutto ciò non sembra nemmeno scalfire l'interesse di chi di dovere. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi dati devono far riflettere tutti, in primis i politici.

      Elimina
  4. Sembrerò banale, ma a me ciò che impressiona sono i dati .. Le statistiche, e tutto ciò non sembra nemmeno scalfire l'interesse di chi di dovere. Buona serata

    RispondiElimina
  5. Come ripeto sempre, citando il grande Giorgio Gaber, "ci saranno sempre più poveri e più ricchi. Ma tutti più imbecilli". Mala tempora currunt, ma non perdiamo la speranza, giusto Cav?

    RispondiElimina
  6. Agghiacciante, dice molto della società nella quale viviamo e di come fin ora sia stato tutto gestito veramente male!

    RispondiElimina
  7. Dato allarmante ma che non sorprende anzi conferma il trend che già altre volte l'iSTAT ha fornito su questo tema.

    RispondiElimina
  8. 5 milioni e 58 mila, e non sono noccioline, ma esseri umani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente si gioca troppo sulla pelle degli esseri umani.

      Elimina
  9. Questo è uno dei scarosanti motivi per cui spero che la politica di Conte funzioni.
    L'Italia deve pensare prima di tutto ai suoi poveri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La povertà è in aumento un po' in tutto il mondo.

      Elimina
  10. Sembra di tornare indietro nel tempo...tutte le conquiste ottenute con dure lotte dai nostri padri dove sono andate a finire?! Sono davvero preoccupata per le giovani generazioni...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.