martedì 5 giugno 2018

In Ungheria vogliono criminalizzare la solidarietà


Articolo da Associazione Diritti e Frontiere – ADIF

In Ungheria, il governo di Viktor Orban ha presentato in Parlamento un “pacchetto” di misure – che comprendono anche una modifica alla Costituzione – volte a “contrastare l’immigrazione irregolare”.

La stampa magiara ha ribattezzato le riforme col nome di “Stop Soros”, perché lo scopo dichiarato dal governo è quello di colpire le Ong impegnate in attività di solidarietà e di sostegno ai richiedenti asilo e ai rifugiati: e poiché alcune di queste Ong fanno capo a George Soros, o ricevono finanziamenti dalle sue Fondazioni, tutto viene presentato come una battaglia tra il premier ungherese e lo stesso Soros.

In realtà, ciò che Orban intende colpire è quella parte della società civile ungherese che si impegna per fornire assistenza ai rifugiati, ma anche per garantire i diritti umani dei migranti e dei transitanti. Così, le riforme proposte dall’esecutivo Orban sono un esempio, sicuramente estremo, di una tendenza che si va diffondendo in Europa: quello di criminalizzare la solidarietà e l’impegno civile, trasformandoli in reati.

Chi scrive non è esperto di cose ungheresi, né conosce a fondo il dibattito che si è sviluppato nel paese magiaro. Per la vicenda della riforma cosiddetta “Stop Soros” si rimanda, in lingua italiana, agli articoli usciti in questi giorni su Il Manifesto, Il Fatto Quotidiano, o su Il Post. Chi è in grado di leggere in inglese può rivolgersi al Guardian, o può vedere i comunicati dell’Hungarian Helsinki Committee, una delle Ong prese di mira dalla furia di Orban.

Qui, più semplicemente, si propone la traduzione in italiano di una delle norme più controverse del “pacchetto”, quella che riguarda appunto il reato di solidarietà.


Continua la lettura su Associazione Diritti e Frontiere – ADIF

Fonte: Associazione Diritti e Frontiere – ADIF


Autore: 


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.



Articolo tratto interamente da 
Associazione Diritti e Frontiere – ADIF



6 commenti:

  1. Il governo Salvini/5stellini potrebbe trovare ispirazione da questi. Occhio!

    RispondiElimina
  2. Questo pericoloso marasma che si sta diffondendo ovunque contro l'immigrazione, non porterà a niente di buono! Spero si possa trovare al più presto una soluzione meno dannosa per queste persone che possa nel contempo dare serenità a tutti in genere perchè qui si rischia davvero una sommossa generale! Grazie per aver pubblicato questo post. Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna tornare umani, c'è troppa intolleranza in giro.

      Elimina
  3. Rischio la faciloneria di giudizio, ma in Ungheria sono già criminali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In passato ci sono stati altri brutti episodi.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.