sabato 2 giugno 2018

Giugno di Giosuè Carducci


Giugno

E' il mese dei prati erbosi e delle rose;
il mese dei giorni lunghi e delle notti chiare.
Le rose fioriscono nei giardini, si arrampicano
sui muri delle case. Nei campi, tra il grano,
fioriscono gli azzurri fiordalisi e i papaveri
fiammanti e la sera mille e mille lucciole
scintillano fra le spighe.
Il campo di grano ondeggia al passare
del vento: sembra un mare d'oro.
Il contadino guarda le messi e sorride. Ancora
pochi giorni e raccoglierà il frutto delle sue fatiche.

Giosuè Carducci


6 commenti:

  1. Bella descrizione della stagione calda,che, nonstantel'evidente cambiamento climatico, vale in buona parte ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è una bella giornata, salvo temporali pomeridiani.

      Elimina
  2. L'animo Carducciano si spinge sempre a raccontare nei suoi versi, i temi a lui più cari, quelli legati alla natura malinconicamente rimembranti la sua adolescenza solitaria sempre a stretto contatto con la natura e il suo divenire unica forma di consolazione per il suo animo.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.