sabato 19 maggio 2018

Una società intrisa d'odio


Articolo da Momi-z

Nuotiamo nella spirale nebulosa di una crisi umanitaria, che un’economia liberista ubriaca di profitti ha scatenato nel mondo. Fantasmi cruenti la incancreniscono. Sono gli avamposti dell’incertezza del nostro tempo. La scena intellettuale, che dovrebbe poter comprendere la crisi, è la più incancrenita per ipertrofia dell’ego, bisogno di successo e gloria.

Da qui l’odio che imperversa in tutto l’Occidente, odio e incomprensione che si traducono in razzismo, indifferenza verso le persone bisognose. L’auto-giustificazione e la menzogna su se stessi ci portano a riversare il torto sugli altri, vedendo solo le colpe e i difetti altrui per disconoscerne l’umanità.

L’incapacità di auto-criticarsi, il ragionamento paranoico, l’arroganza, il diniego, il disprezzo sono il risultato e insieme la causa del rifiuto di vivere insieme. Con l’effetto di una società funzionale solo all’economia, una società a-sociale.

Nell’alba del XXI secolo l’umano è stato invaso dall’inumano. La disgregazione del contesto sociale fa trionfare l’individuo de-socializzato, che così si riduce a uno schermo sul quale si costruiscono desideri, bisogni e mondi immaginari, ma anche dove si canalizzano invidie e odio verso i soggetti più deboli. Così si dà spazio illimitato al totalitarismo e al terrorismo.

Tutto viene gestito nel mondo dei media, in cui la soggettività di ciascun individuo è deformata e manipolata ininterrottamente.
Bisogna scegliere si vogliamo vivere in una società più vicina a quella del “simposio” che a quella dei “padrini” o di “Dallas”.

Il Titanic siamo noi, la nostra società trionfalistica, autocompiacente, ipocrita e cieca, senza pietà per i suoi cittadini più poveri; una società dove non esiste possiamo fare previsioni sull’iceberg che ci aspetta, nascosto in qualche angolo nel futuro indistinto, che ci verrà incontro affondandoci al suono di una macabra musica.

Gli iceberg seminati nel nostro futuro sono molteplici. C’è quello finanziario della speculazione, quello nucleare, quello ecologico, quello sociale con milioni di uomini e donne in esubero per tutta la propria esistenza.

Il messaggio è semplice. Ognuno è potenzialmente in esubero o sostituibile, dunque ognuno è vulnerabile, e qualunque posizione sociale, per quanto protetta possa sembrare, sul lungo periodo è precaria, come anche i privilegi sono fragili e in pericolo.

Continua la lettura su Momi-z

Fonte: Momi-z 

Autore: 

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.


Articolo tratto interamente da
 Momi-z


7 commenti:

  1. Quanta verità.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Da qualche parte bisognerà iniziare.

    RispondiElimina
  3. Purtroppo è triste constatarlo ma l'umanità sta attraversando un periodo dove la coscienza è a un livello molto basso e si vede in tutti i campi...è un mondo che ha dimenticato l'anima e vive d'apparenza con conseguente diminuzione dell' empatia, comprensione e compassione che invece dovrebbero accompagnare una buona evoluzione spirituale. C'è solo da augurarsi una profonda evoluzione delle coscienze.....
    Buona Domenica!

    RispondiElimina
  4. Nel mio piccolo cerco di agire diversamente, sono convinta che il cambiamento parta da ciascuno di noi, certo non è facile ma almeno... proviamoci!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.