giovedì 24 maggio 2018

Treno deraglia sulla Torino-Ivrea: 2 morti e 23 feriti



Articolo da Quotidiano Piemontese

Un gravissimo incidente ferroviario si è verificato alle 23.30 di mercoledì 23 maggio a Caluso. Un treno è deragliato dopo aver impattato con un Tir che si trovava sui binari e che trasportava un trasporto eccezionale. 

Il convoglio era composto da un locomotore e cinque vagoni, il locomotore e tre vagoni sono usciti dai binari, due sono ribaltati come si vede dalle immagini del video: uno di questi è andato a colpire la casa cantoniera fortunatamente disabitata da anni.

Due persone sono morte. Si tratta del macchinista del convoglio, Roberto Madau, 61 anni, e di un addetto alla scorta tecnica del Tir, Stefan Aureliano, 54 anni, residente a Busto Arsizio. Il bilancio definitivo conta 23 feriti, di cui almeno 3 in gravi condizioni (una è la capotreno).

Sul posto sono arrivate sette squadre di vigili del fuoco e la Croce Rossa.

Il treno coinvolto è il regionale 10027, composto da cinque vetture e un locomotore, partito da Torino Porta Nuova alle 22.30 e diretto ad Ivrea: sul convoglio c’erano una quarantina di persone.

Il passaggio a livello interessato è quello della frazione di Arè. Il treno ha agganciato il rimorchio del camion che sarebbe passato quando già le luci del passaggio a livello erano accese. La strada tra Caluso e Chivasso è al momento interrotta, come pure naturalmente la linea ferroviaria Torino – Ivrea – Aosta.

Gli ospedali di Torino, Ivrea e Chivasso hanno attivato il piano di maxi emergenza per accogliere i feriti.

Sul posto, a coordinare le indagini, il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando.

Continua la lettura su Quotidiano Piemontese

Fonte: Quotidiano Piemontese


Autore: redazione Quotidiano Piemontese


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.


Articolo tratto interamente da Quotidiano Piemontese



8 commenti:

  1. Risposte
    1. Si spendono milioni di euro per opere faraoniche, mentre le linee regionali sono state abbandonate.

      Elimina
  2. L'ho appena sentito al telegiornale, è assurdo!

    RispondiElimina
  3. Ma è terribile...uno prende il treno pensando che sia più sicuro della strada e invece...non mi sembrava che prima ci fossero così tanti incidenti, un motivo ci sarà pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tragedie ci sono sempre state, ma ultimamente le ferrovie versano in condizioni pietose.

      Elimina
  4. Purtroppo non è il primo e non sarà l'ultimo.
    Sempre stamattina, ad esempio, un treno ha impattato un carrello da lavoro nei pressi della stazione di Preglia, e la circolazione è rimasta bloccata per molte ore, sebbene stavolta non ci siano stati feriti.
    Concordo con Cavaliere.
    Il sistema ferroviario italiano è pietoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'elenco è molto lungo, bisogna fare qualcosa.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.