venerdì 11 maggio 2018

Nuove scoperte negli scavi di Pompei


Articolo da Grande Napoli

Sono state presentate le eccezionali scoperte effettuate a Pompei nell’area di Civita Giuliana, nella zona Nord del sito fuori le mura.

Gli scavi iniziati a seguito di una segnalazione fortuita di un’attività di scavo clandestina sono stati avviati grazia anche alla collaborazione tra il Parco archeologico di Pompei, la Procura di Torre Annunziata e i Carabinieri.


L’intervento ha permesso di riportare alla luce un importante settore della villa extraurbana che ha restituito importanti testimonianze sulla sua attività nel periodo dell’eruzione e sulle sue fasi di utilizzo successive ad essa.

In particolare l’intervento di scavo ha riportato alla luce una serie di ambienti di servizio che hanno restituito oggetti della vita quotidiana della villa: anfore, utensili da cucina, parte di un letto in legno di cui è stato possibile realizzare il calco. Una tomba successiva all’eruzione, con relativo scheletro, è stata rinvenuta negli strati più superficiali.


Un altro ambiente della villa, probabilmente adibito a stalla, ha permesso di eseguire il calco di una cavallo rimasto ucciso nel corso della grande eruzione. Il cavallo di Civita Giuliana, ad una prima analisi sembra essere di “alto rango” da qui l’idea che il proprietario della villa possa essere un nobile patrizio. Insieme ad esso sono stati recuperati i resti ossei di altri equidi.

Continua la lettura su Grande Napoli

Fonte: Grande Napoli

Autore: 
Valentina Cosentino

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia.


Articolo tratto interamente da 
GrandeNapoli.it



2 commenti:

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.