mercoledì 16 maggio 2018

Nessuna camera segreta nella tomba di Tutankhamon


Articolo da Il Fatto Storico

Una nuova indagine col georadar ha escluso definitivamente l’esistenza di stanze nascoste nella tomba del faraone Tutankhamon. La terza indagine geofisica della tomba, la più completa mai condotta finora, è stata diretta dal professor Francesco Porcelli del Politecnico di Torino.

L’idea che la tomba di 3.300 anni ospitasse una camera segreta, magari coi resti della regina Nefertiti, era stata avanzata nel 2015 dall’egittologo britannico Nicholas Reeves.

Nel 2015 Nicholas Reeves, archeologo presso l’Università dell’Arizona, aveva notato che alcuni elementi sul muro della camera funeraria di Tutankhamon mostravano segni di una porta d’ingresso. Le scansioni condotte dallo specialista di radar giapponese Hirokatsu Watanabe, all’inizio del 2016, sembravano confermarlo. L’allora Ministro delle Antichità, Mamdouh Eldamaty, dichiarò: «Possiamo dire al 90% che ci sia qualcosa dietro i muri». Eldamaty venne poi sostituito nel marzo del 2016. Il clamore mediatico era in parte dovuto a ciò che si pensava fosse nascosto in quella camera segreta. Nell’ipotesi più emozionante giacevano i resti di una delle regine più famose dell’antico Egitto: la matrigna di Tutankhamon, Nefertiti. Secondo Reeves, la tomba di Tutankhamon sarebbe stata costruita per la regina, deceduta nel 1330 a.C. Tuttavia Tutankhamon morì inaspettatamente pochi anni dopo, nel 1323, all’età di soli 19 anni. La tomba sarebbe stata quindi requisita per la sua sepoltura, e il corpo di Nefertiti spostato in una camera e sigillato dietro un muro. Confermare tale ipotesi avrebbe richiesto bucare un muro splendidamente decorato e, comprensibilmente, il Ministero era riluttante a farlo se non con l’assoluta certezza.

Continua la lettura su Il Fatto Storico

Fonte: Il Fatto Storico

Autore: redazione Il Fatto Storico

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia


Articolo tratto interamente da
 Il Fatto Storico


4 commenti:

  1. Da un lato è un peccato, perché sarebbe stato affascinante. Reeves e Watanabe... che scuorno! XD
    Beh, dai, almeno per le storie alla indianajones possono esserci tutte le stanze segrete del mondo^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Il regno egizio, sin dalle sue prime scoperte, è sempre stato fonte inesauribile di Mistero e di energie!
    Su questo regno secolare,fantastico, mistico e a volte di dubbia storiografia, sembra che non si voglia mai chiudere il sipario!
    Sarà per questa grande forza che a tutt'oggi viene tramandata con i reperti antichi e con le stesse narrazioni enigmatiche e profondamente lungimiranti!
    Purtroppo se le indagini hanno portato a questa conclusione, non c'è che da rassegnarsi, a livello pragmatico, ma nulla impedisce ad ognuno di noi di vedere al di là delle cose e, di continuare magari a fantasticare o a sognare che qualcosa di più profondo, a tutt'oggi debba ancora essere scoperto! Bel post! Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono ancora tanti misteri irrisolti dell'antico Egitto.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.