domenica 29 aprile 2018

Come gli alberi possono salvare il mondo


Articolo da Tlaxcala

Le terre fertili stanno morendo, la biodiversità sta collassando, il clima si sta scaldando. Ma gli alberi arricchiscono la terra, proteggono la biodiversità e assorbono il carbonio. Integrando gli alberi nelle colture, l'agroforestazione potrebbe addirittura triplicare il reddito dei paesi più poveri. In ogni caso questo è ciò che ci assicura Pierric Jammes, co-fondatore di PUR Projet, impresa sociale che promuove l'agroforestazione nel mondo e premia questo mercoledì, 18 aprile, i vincitori francesi del concorso "Alberi del futuro".

"È tempo di accelerare la democratizzazione dell'agroecologia. L'appello arriva dal direttore generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), José Graziano da Silva, ed è stata lanciata il 5 aprile alla chiusura del 2° Simposio internazionale di agroecologia. Presente sul posto, il ministro dell'Agricoltura francese Stéphane Travers ha giocato ai bravi scolari promettendo di "moltiplicare per dieci" il numero di aziende agricole impegnate in agroecologia.

Questo entusiasmo anche nelle più alte sfere politiche per un concetto così complesso da definire è un vero segno di speranza per il pianeta. Almeno, se osiamo credere alle sue molte promesse: conservazione del suolo, protezione della biodiversità, lotta contro il riscaldamento globale ... Dove l'agricoltura era la fonte di tutti i problemi nella sua versione intensiva, diventa una soluzione per le virtù dell'agroecologia.

Prendere ispirazione dalla natura

Oltre all'ideale dell'agricoltura biologica (coltivare senza input o prodotti fitosanitari derivati ​​da prodotti petrolchimici), l'agroecologia consente di "progettare sistemi di produzione che si basano sulle funzionalità offerte dagli ecosistemi", si può leggere sul sito web del Ministero dell'Agricoltura. In altre parole, con "la ricerca della complementarità tra le specie", ispirata agli scambi reciprocamente proficui osservati tra piante, animali, funghi e altri esseri viventi, l'agroecologia sfrutta la natura preservandola e "cerca di integrare nella sua pratica tutti i parametri di gestione ecologica dello spazio coltivato, come l'economia e il miglior uso dell'acqua, la lotta contro l'erosione, le siepi, il rimboschimento ...", spiega l'associazione Colibrì.

Questo mercoledì sera, a Parigi, una sotto-branca dell'agroecologia è sotto i riflettori: agroforestazione, che mira a integrare gli alberi nelle colture. Il concorso "Alberi del futuro" premierà per la sua seconda edizione 25 agricoltori impegnati nell'agroforestazione in Francia. E permetterà loro di piantare circa 50.000 alberi. Organizzata da PUR Projet, Fermes d'Avenir, Blue Bees, AccorHotels e CDC Biodiversité, la competizione consente anche ai vincitori di condividere una dotazione di 250.000 euro.


Abbiamo colto l'occasione per discutere con Pierric Jammes, direttore generale e co-fondatore di PUR Projet, un'impresa sociale che supporta le aziende nell'impegno per il clima e la lotta contro la deforestazione. Ci ha raccontato come gli alberi possono proteggere l'ambiente, aumentare il reddito dei piccoli agricoltori e perché è urgente passare al gradino superiore.

Usbek e Rica: cosa rende l'agroforestazione così interessante per le colture?

Pierric Jammes: L'albero consente in primo luogo di sfruttare la verticalità, i diversi strati del suolo. In un campo di grano convenzionale, il raccolto attira ogni anno i suoi nutrienti nei 30 cm superiori del suolo, che diventano più poveri, compensiamo mettendo sempre più fertilizzante e entriamo in un circolo vizioso. In un terreno con un albero, questo agisce come una pompa di nutrienti. Le sue radici li attirano più profondamente, li ridistribuiscono con la decomposizione delle radici, la caduta delle foglie e l'albero arricchisce il terreno creando una lettiera vegetale. La verticalità del terreno può essere ottimizzata con colture che utilizzano sostanze nutritive a diverse profondità: fragole sopra, poi grano e noce più profonde, per esempio. L'albero permette anche di de-compattare il terreno, porta ombreggiature, biodiversità...

In effetti, gli scienziati avvertono regolarmente del collasso della biodiversità, a livello globale o locale, con ad esempio la perdita in 15 anni di un terzo degli uccelli delle campagne francesi. Evocano l'intensificazione dell'agricoltura come probabile causa del fenomeno. L'agroforestazione può essere una risposta a questo collasso?

Gli alberi sono importanti ospitanti di biodiversità, ospitano batteri, funghi, insetti, uccelli e persino animali più grandi. La biodiversità è particolarmente forte se mescoliamo le specie arboree, perché non si tratta di passare dalle monocolture a una forma di bicultura, ma è necessaria anche la biodiversità dell'habitat.

Questa biodiversità è essenziale per la resilienza dei sistemi agricoli "
L'erosione del suolo è un altro grosso problema. La desertificazione minaccia il 40% delle terre emerse secondo il comitato scientifico francese sulla desertificazione. Anche in questo caso, l'agroforestazione fornisce una risposta?

L'erosione del suolo è assolutamente fenomenale, anche in Francia. Non la vediamo perché ci sono raccolti sopra ma li coltiviamo nel deserto, su terreni aridi, grazie a prodotti chimici. Dozzine di tonnellate di terra scompaiono a causa del vento in Francia. Anche la pioggia e il deflusso superficiale erodono il terreno. In Perù, abbiamo misurato una perdita di quasi 60 tonnellate di terra per ettaro in un anno su suolo nudo!
Gli alberi possono interrompere il vento e la pioggia. L' agroforestazione deve essere considerata su una scala territoriale o di spartiacque. Siepi o file di alberi o aree boschive aiutano a stabilizzare il terreno, sia attorno agli appezzamenti che all'interno.

 Continua la lettura su Tlaxcala


Fonte: Tlaxcala 

Autore: 
 
Vincent Lucchese - tradotto da Alba Canelli

Licenza: Copyleft 

Articolo tratto interamente da Tlaxcala 


4 commenti:

  1. Caro Vincenzo, questo è un articolo che tutti dovrebbero leggere.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Grazie per quest'articolo. Buona domenica.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.