sabato 2 settembre 2017

Aumentano i contratti di lavoro, ma sono peggiorate le condizioni


Articolo da L'Argine

La recente uscita relativa ai dati di Luglio segnerebbe il raggiungimento di una traguardo simbolico: siamo tornati a superare i 23 milioni di occupati .

Essendo il dato sull’occupazione un importante indicatore per il suo doppio risvolto – economico e sociale – l’enfasi con cui si sottolinea questo risultato può ritenersi in parte giustificata: del resto è vero che da un po’ di mesi, pur con qualche oscillazione, la tendenza all’aumento sembrerebbe confermata.

Se però partiamo dall’assunto che l’informazione statistica deve servire a dare una esatta visione della evoluzione dei fenomeni osservati occorre anche considerare che quando le regole che stanno alla base dei comportamenti cambiano deve cambiare anche il tipo di informazione che viene fornita.
Da questo punto di vista, ritornando all’occupazione, non si può trascurare che da tempo (dal pacchetto Treu in avanti) i meccanismi di funzionamento del mercato del lavoro sono cambiati nel tentativo di aumentarne la flessibilità. La conseguenza è che, se in un lontano passato essere occupato era di per sé una connotazione che dava una visione completa dello stato del lavoratore (in contrapposizione a quella di disoccupato), con la crescente flessibilità introdotta con le riforme suddette lo stato di occupato contiene al suo interno una pletora di modalità così diverse tra loro da rendere estremamente diversa la posizione dei diversi lavoratori.

Basta ricordare la stessa definizione di occupato: colui che ha svolto nella settimana di riferimento almeno un’ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura. Quindi un’ora, un giorno, l’intera settimana sono equivalenti; sempre di un occupato si tratta.
Non è quindi un caso se, nel commentare i recenti dati sull’occupazione, si passa dalle considerazioni trionfalistiche a quelle preoccupate che mettono in evidenza come il traguardo raggiunto contenga fenomeni non tutti positivi, infatti:

aumenta l’occupazione, ma aumenta soprattutto quella dei contratti a termine;
aumenta la disoccupazione femminile;
aumenta anche la disoccupazione degli ultracinquantenni, primo passo verso la disoccupazione di lunga durata.

Sembrerebbe, quindi, possibile dire tutto e il contrario di tutto.

Se però, al di là dei proclami, vogliamo comprendere cosa sta realmente accadendo nel mondo del lavoro è sufficiente confrontare l’aumento annuale dell’occupazione con quello del PIL: entrambi sono stimati attorno all’1,3%. Implicitamente, ciò significa che la produttività del lavoro non è aumentata, aggravando una situazione che caratterizza il paese oramai da molti anni.

Continua la lettura su L'Argine


Fonte: L'Argine


Autore: 
caffe-bloomsbury 

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Articolo tratto interamente da 
L'Argine


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.